fbpx

    Zidane, Simeone e gli altri eredi di papà calciatori

    Fotografia: Il cholito (ANSA)

    Tornato sulla panchina del Real Madrid, Zinedine Zidane, oltre a dover riportare in alto la squadra, ha anche dovuto vestire i panni del…pompiere. Sul tecnico dei blancos sono piovute alcune critiche per aver fatto giocare in prima squadra suo figlio Luca, in porta, nella sfida di Liga contro l’Huesca, terminata 3-2 per le merengues.

    Luca Zidane (ANSA)

    Il vecchio adagio “tale padre, tale figlio”, sarà valido anche nel calcio? Giudicate voi. Vediamo, tra i calciatori in attività, chi sono i pargoli di giocatori del passato.

    Nicolo Zaniolo ((ANSA)

    Da una capitale all’altra, ci spostiamo da Madrid a Roma. Il 19enne Justin Kluivert, figlio di Patrick (ex attaccante di Ajax, Barcellona e Milan), è sbarcato sulla sponda giallorossa del Tevere ma sta facendo più fatica del previsto. Sempre a Trigoria, troviamo un altro figlio d’arte, Nicolò Zaniolo –  già acclamato dai tifosi, che sognano un nuovo idolo dopo Totti – figlio di Igor, che giocò soprattutto nelle serie minori.

     

     

    Kasper Schmeichel con la maglia della Danimarca (ANSA)

    L’allenatore della Roma, Claudio Ranieri, ci fornisce l’assist per andare oltre-manica a far visita a una sua ex squadra, il Leicester, i cui pali sono difesi da Kasper Schmeichel, uno degli eroi dello scudetto conquistato dal club l’anno successivo la promozione in Premier. Il giovanottone biondo ha infilato i guanti del padre Peter, una della colonne del Manchester United e della Danimarca negli anni 90. Ricordate la Nazionale che fu ripescata agli Europei e poi vinse in Svezia il torneo continentale? Il portiere era proprio lui.

    In Francia, per fare qualche nome, si possono incontrare Marcus Thuram del Guingamp (figlio di Lilian, ex Monaco, Parma,Juventus e campione mondiale ed europeo con la Francia), e Timothy Weah del Psg, punta centrale come suo padre George, oggi, presidente della Liberia.

    Tornando in Italia, invece, scendiamo a Firenze dove, con la maglia viola, giocano i figli di due ex campioni e compagni di squadra nella Lazio: Federico Chiesa, 20enne figlio di Enrico (ex Samp, Parma, Fiorentina e Lazio) e Giovanni Simeone, figlio di Diego Pablo, oggi allenatore dell’Atletico Madrid. Questi due ragazzi promettono di fare scintille. Federico è un ala molto forte mentre il cholito una punta prolifica con, a soli 23 anni, tanta esperienza alle spalle: River Plate (con tanto di Libertadores) e Banfield in Argentina, e Genoa in Italia, prima di approdare alla Fiorentina, dove ha realizzato 20 reti in 67 sfide. Già protagonisti in campo, lo saranno al prossimo calciomercato.

    Lo sport è ricco di figli d’arte, più o meno dotati dei genitori ma questa è un’altra storia per un’altra occasione.