Zerocalcare al cinema, operazione riuscita

 

Quando si approccia ad un film come La profezia dell’armadillo (dal 13 settembre nelle sale) una premessa è d’obbligo: che avesse la stessa portata rivoluzionaria del libro era impossibile. Se in questi anni il mercato italiano del fumetto è diventato il quarto al mondo, molto si deve a Michele Rech, 34 anni, in arte Zerocalcare. Lo “street poetry” franco-aretino ma romanissimo d’adozione é riuscito nell’ardua impresa di far uscire la graphic novel dalla nicchia degli appassionati, rievocando le stagioni d’oro di Tex e Corto Maltese, collegando due linguaggi apparentemente inconciliabili: quello dell’universo pop anni Novanta, fatto di Holly e Benji e zaini Invicta, e quello della cosiddetta cultura alta. Basti pensare che uno dei suoi libri, Dimentica il mio nome, l’ha portato nel 2015 tra i finalisti del Premio Strega, tecretando il suo ingresso in una rosa di autori a cui raramente i fumettisti riescono ad accedere.

La buona notizia per i lettori è che, nonostante l’oggettiva difficoltà della sfida, il film diretto da Emanuele Scaringi non tradisce lo spirito dell’opera originale.

Il primo punto di forza è il cast: i giovanissimi Simone Liberati (il protagonista) e Pietro Castellitto (Secco) danno prova di sensibilità e riescono a non banalizzare dei personaggi che nel libro sono tutt’altro che banali. Valerio Aprea, a cui è toccata la prova attoriale più difficile, quella di calzare i panni dell’armadillo, riesce a essere contemporaneamente onirico e reale, proprio come le paranoie che incarna il suo alter ego di carta.

Il film ha poi un grande punto di merito: è il racconto finalmente realistico di una generazione alquanto bistrattata dai media. Rispetto a uno degli ultimi film sui Millennials, Gli sdraiati (dal libro di Michele Serra), La profezia dell’armadillo è molto più vicino alla realtà e non cede a luoghi comuni, forse proprio perché parte da un punto di vista interno e non esterno alla generazione che racconta. Parlando di cliché, è divertente il modo in cui il film riesce a smontare uno dei simboli più duri a morire quando si parla di Roma e di cinema: la Vespa. Con un semplice scambio di battute lo stereotipo si scioglie nel pragmatismo della nuova generazione. «Te sembra ‘na cosa pe’ anda’ pe’ Roma, questa?», chiede candidamente Secco a Zero; difficile, per uno spettatore che vive quotidianamente la giungla del traffico capitolino, non sentirsi più rappresentati da Secco piuttosto che dalle passeggiate sbarazzine in Vespa di Audrey Hepburn in Vacanze romane, o di Nanni Moretti in Caro diario.

Altro punto di forza sono i dialoghi, mai scontati. Il film non è – come alcuni temevano – un frullato di scene e situazioni tratte dai libri, dal primo all’ultimo (Macerie prime, uscito in due parti tra il 2017 e il 2018); al contrario, vi strizza l’occhio ma dà una nuova linfa a quei contenuti. A un certo punto, prendendo spunto dal mammuth conservato a Rebibbia, si parla dell’estinzione (pericolo ambientale di piena attualità), e un tema collettivo come questo diventa individuale, incarnandosi nella figura di Camille, la ragazza di cui Zero è innamorato. Lui dice che i mammuth si sono estinti a causa delle orecchie troppo piccole e delle zanne. «Se ci nasci, con le orecchie piccole e le zanne, te le devi tenere. Ti tieni tutto», risponde Camille, e sembra parlare di se stessa. Il suo personaggio è il simbolo di una purezza destinata a estinguersi in un mondo regolato dalla legge del più forte. O a resistere, a restare motivati. Questo invita a fare la canzone che lei gli fa sentire: «Motivé, il faut rester motivé». Bisogna restare motivati.

di Valentina Mira

 

Le clip del film

Potrebbe piacerti anche

Genitori single, 44mila nella community che li fa incontrare

La prima comunità online di genitori single, GenGle, si è espansa fino ad arrivare ....

Festival di Sanremo: Baglioni concede il Bis

L’ultimo Festival di Sanremo sarà ricordato per il tormentone ‘gnigni’ lanciato dai Jackal, attraverso ....

Enrico Montesano torna a vestire i panni di Rugantino

Era il 1962 quando al Sistina esordì lo spettacolo Rugantino, una commedia musicale realizzata ....