Vuoi sposarmi? Guida alla scelta dell’anello

Fotografia: Eugenio Mariani

Chiedere la sua mano… Come rispettare la tradizione? Quale anello scegliere? E come trovare un compromesso tra l’amore e le tasche?

 

Alle porte della stagione dell’anno per antonomasia dedicata ai matrimoni, abbiamo chiesto a un esperto, Simone Saracino, gioielliere a Roma (http://saracinoroma.com),  qualche consiglio sulla scelta dell’anello più importante da regalare per accompagnare la proposta di matrimonio.

Deve essere necessariamente un diamante?

La tradizione vuole che sia il diamante! –sorride- la pietra più preziosa al mondo per la sua purezza e durezza. E’ quasi impossibile rompere un diamante, indistruttibile come l’amore, per questo ne è diventato il simbolo.

Solitario o veretta?

Il vero gentleman rispetta la tradizione: regala l’anello di fidanzamento, magari una veretta di brillanti che è un eternity, perché i diamanti a giro riprendono la circolarità dell’infinito e quindi di un amore. Poi, quando giunge il momento fatidico, sorprende la sua lei con un solitario, classico, che rispetti la tradizione. Non è questo il momento per scelte stravaganti.

Quando regalare il trilogy?

Il trilogy simboleggia la nascita, è il regalo ideale all’arrivo del primo figlio. Tre pietre accostate, bello se quella centrale è poco più grande a simboleggiare il frutto dell’amore.

E per chi ha un budget molto ridotto?

Esistono diamanti per tutte le tasche: comunque posso regalare un anello che rappresenta il mio amore, non devo rinunciare al simbolo. Le caratteristiche del diamante sono le famose 4 C e sono gli indicatori di prezzo. Caratura, quindi il peso, la grandezza della pietra, colore, purezza (clarity) e taglio (cut), che è fondamentale e che consiglio sempre di privileggiare: una pietra ben tagliata è una pietra che brilla al suo massimo.

Gioielli per il giorno del matrimonio. Si possono regalare agli sposi?

Certo, soprattutto alle coppie che si sposano dopo una convivenza e hanno già casa. Anelli perfetti da regalare alla sposa che può indossarli anche nel giorno del sì, spesso scelti dalle testimoni, fanno parte della nostra collezione Jem session: seguono la moda, incorniciando le dita con tante gemme coloratissime da personalizzare su una palette di dodici colori che possono essere scelti direttamente sul nostro sito e che danno un tocco di colore e di carattere, soprattutto sull’abito bianco. Per lo sposo senza dubbio i gemelli. Le ultime tendenze li vogliono realizzati artigianalmente e coloratissimi, i nostri sono arricchiti dallo smalto a fuoco grazie ad una lavorazione antichissima che risale agli antichi egizi.

Cosa ti ispira nel creare?

Realizzo gioielli artigianali fatti in Italia pensando a donne che vogliano giocare con i colori e spesso è Roma a regalarmi un’idea.

 

 

  • Mostra Commenti

L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Potrebbe piacerti anche

Profumi e cosmetici, l’altra eredità del Sessantotto

Il ‘sessantotto’ è stato un movimento di massa, sociale, di contestazione, di guerre, un periodo ....

Triennale, scelta la nuova governance

Il Cda della Fondazione La Triennale di Milano ha nominato questa mattina Carlo Morfini direttore generale e ha ....

Una Nuvola per la Lavazza

Taglio del nastro per la ‘Nuvola’, nuovo centro polifunzionale della Lavazza, azienda che da ....