Vino: Italia principale fornitore degli USA

Fotografia: Vino italiano, conquista gli USA (Shutterstock)

I dati primo trimestre del 2018 hanno confermato un aumento dell’export del vino italiano  in Cina con vendite, su base dogane locali, per oltre 45 milioni di euro e una quota di mercato che sale al 7% nel Paese della grande muraglia. Qual è la situazione Negli Stati Uniti, invece?

I prodotti enologici nazionali sono sempre più protagonisti negli Stati Uniti dove, nei primi quattro mesi del 2018, il vino italiano ha registrato performance migliori della media-mercato, pur con una crescita timida a valore che risente dell’euro forte.

Il risultato complessivo è un incremento dei volumi (+4,4%) e dell’1% in valore, con 544,7 milioni di euro (dato Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor). L’Italia rimane il principale Paese fornitore degli Usa anche in questa prima parte dell’anno ma la competizione, con particolare riguardo alla Francia, è molto serrata.

Per questo Vinitaly prosegue con il proprio programma internazionale di eventi business e formazione – sono già 47 gli Italian Wine Ambassador statunitensi formati tramite le iniziative della Vinitaly International Academy, mentre i buyer accreditati provenienti dagli Usa all’ultima edizione di Vinitaly sono stati oltre settemila – ed è stato presente dal 30 giugno al 2 luglio al Padiglione italiano del Summer Fancy Food Show nell’ambito del piano di promozione straordinaria del made in Italy curato da Agenzia Ice in collaborazione con Federalimentare, Cibus, Tuttofood e Vinitaly, che ha presentato oltre 300 aziende sotto il segno distintivo del claim “The Extraordinary Italian Taste”.

In questa occasione, il Vinitaly Wine Bar ha offerto ai buyer del trade e del canale ho.re.ca. l’opportunità di conoscere e degustare oltre 600 vini selezionati in collaborazione con il consorzio Italia del Vino, lungo le tre giornate della rassegna, che è terminata ieri, ciascuna dedicata a una zona produttiva diversa: Trento doc, Sicilia Doc e Chianti Classico.

Gli Stati Uniti – ha detto il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovanisono il principale mercato mondiale della domanda di vino e lo saranno ancora per molto tempo. In questo senso è indicativo ciò che è emerso dall’outlook Vinitaly-Nomisma sulle abitudini al consumo negli Usa: oltreoceano il primo target è rappresentato dai giovani dai 21 ai 35, mentre in Italia l’età dei top consumer è molto più alta. Un dato questo che la dice lunga anche sul fascino esercitato da una bevanda sempre più status symbol per i giovani statunitensi“.

Potrebbe piacerti anche

Massetto: asta da record ad Hong Kong

Qualche tempo fa avevamo parlato di Eleonora Marconi, il nuovo enologo di Masseto, uno ....

Pranzo fuori: italiani prediligono qualità e rapporto umano

Il bar alla mattina è una meta quasi irrinunciabile per gli italiani: i 150 ....

I vignaioli indipendenti a Cinecittà

Oggi e domani, al Teatro 10 di Cinecittà (Via Tuscolana, Roma)  circa 200 vignaioli aderenti ....