fbpx

    VinNatur presenta le proposte enogastronomiche bio

    Fotografia: Due giorni di degustazioni a VinNAtur (Shutterstock)

    Un’idea di cucina in linea con lo spirito di VinNatur, rispettosa dell’ambiente, genuina e territoriale: sarà questa la proposta degli espositori di food dedicata al pubblico di VinNatur Roma, in programma il 23 e 24 febbraio 2019 alle Officine Farneto.

    I visitatori potranno alternare le degustazioni di vino con assaggi di specialità piemontesi e laziali. Lo stand di  Alessandria proporrà i classici agnolotti piemontesi, zuppe con verdure rigorosamente di stagione e una selezione di prodotti caseari.  In un altro, invece, si potranno assaggiare le fragranti ciriole, pane di piccole dimensioni tipico della tradizione laziale e in particolare romana, da farcire scegliendo tra una nutrita varietà di ingredienti. E poi altri spazi dove si equilibreranno dolce e salato, con lievitati di alta qualità in forma di panini, croissant e pasticceria.

    Il buon gusto del cibo si armonizza con la dimensione sensoriale del vino: i vignaioli protagonisti di VinNatur Roma saranno 92, provenienti da diverse regioni d’Italia, Francia e Slovenia. I vini saranno più di 400, frutto di una filiera che riduce al minimo gli interventi chimici e di manipolazione dell’uomo sia in vigna che in cantina.

    Porte aperte al pubblico sabato 23 dalle 14.00 alle 20.00 e domenica 24 dalle 12.00 alle 19.00. Si tratterà di un’occasione unica per appassionati e curiosi di confrontarsi a tu per tu con i produttori di vino naturale, esplorando un mondo in continua ricerca e sviluppo che desidera offrire sempre maggiori garanzie di qualità e sicurezza al cliente finale.

    Per l’intera durata dell’evento, i visitatori potranno degustare i vini e acquistare le bottiglie direttamente dagli stand dei vignaioli. Oltre al banco d’assaggio permanente, in programma due momenti di approfondimento: alle 16.00 di sabato in Sala conferenze si svolgerà un convegno sul tema “Sostenibilità ambientale, alla base della viticoltura del futuro” moderato dal wine writer Giampaolo Giacobbo. Gli argomenti trattati riguarderanno la riduzione dell’impatto sull’ambiente, la limitazione o eliminazione dell’impiego del rame e dello zolfo in viticoltura e molto altro.

    Domenica alle 14.00 il giornalista e scrittore Sandro Sangiorgi condurrà una degustazione guidata di “vini inconsueti” per un pubblico ristretto.

    Potrebbe piacerti anche

    Beer Attraction: si vota la birra dell’anno

    Conto alla rovescia per Beer Attraction (Fiera di Rimini, 16-19 febbraio), la manifestazione leader ....

    Vino Nobile di Montepulciano, rosso a quattro stelle

    La commissione d’assaggio dell’ultima vendemmia ha assegnato quattro stelle al Vino Nobile di Montepulciano ....

    Banfi: eventi e bottiglia celebrativa per i 40 anni

    La fama del Brunello a livello mondiale si deve in gran parte all’azienda Castello Banfi, che ....