Viaggi: addio ai last minute, si prenota in anticipo

Fotografia: Last minute passati di moda (Shutterstock)

I viaggi Last minute stanno passando di moda, favorendo un ritorno ai classici tour operator e alle agenzie di viaggio: prenotare in anticipo è la tornata la normalità.

Le prenotazioni dei tour operator sono in crescita del 13% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, superiore al tasso di crescita del mercato. E se anni fa il cosiddetto “turista medio” aspettava i last minute senza esprimersi sulle mete, cercando solo di spendere il meno possibile, oggi la prenotazione anticipata, in incremento di circa il 18% rispetto allo scorso anno, arriva ad incidere fino al 75% sul totale dei volumi.

La durata preferita della vacanza estiva è di 10 giorni, qualunque sia la destinazione e la tipologia di vacanza prescelta: dal villaggio al residence, dalla crociera al tour. L’Italia del Sud è la regina delle preferenze di chi sceglie di rimanere nel Belpaese: Sardegna, Puglia, Sicilia e Calabria sono le più prenotate, e vedono anche una buona percentuale di repeater.

Nel medio raggio il dato numericamente più forte è legato al ritorno del Mar Rosso egiziano, con crescite oltre il 100% e anche della Tunisia, due mete che storicamente sono state sempre apprezzate dagli italiani per il rapporto qualità/prezzo. La Grecia piace sempre e in Europa si registra un interesse in crescita verso l’Irlanda.

Per chi affronta viaggi intercontinentali grandissimo successo per il Giappone, e sempre in Oriente, Indonesia e Thailandia. Gli Stati Uniti, in particolare quelli del nord, tornano a piacere dopo la flessione dell’estate 2017, spesso abbinati a soggiorni mare nelle Antille. Ottimi risultati per Sudafrica, Namibia e Oceano Indiano.

Crescita a doppia cifra anche per i viaggi studio, con un trend molto positivo, intorno al 10% rispetto allo scorso anno. In Europa la meta più richiesta resta sempre l’Inghilterra, anche per l’ampia e diversificata offerta, seguita dalla Scozia.

Boom del 2018 per le richieste verso gli Stati Uniti, incentivati dal cambio dollaro favorevole al momento delle prenotazioni e dalle nuove offerte da parte di compagnie aeree con nuove tratte accattivanti da Roma e Milano per New York. Le destinazioni che invece hanno registrato cali nel corso dell’estate 2018 sono state Messico, Cuba, Polinesia, Capo Verde e Canarie. “Continua l’andamento positivo che aveva contraddistinto tutto il 2017 – dice il presidente Astoi, Nardo Filippetticon una crescita a doppia cifra del settore del turismo organizzato anche per questa estate. Gli italiani chiedono la possibilità di personalizzare la propria vacanza e la flessibilità delle proposte. Si conferma il successo per la formula villaggio e per le crociere, con soluzioni di vacanze sempre più segmentate ed esperienziali, che continuano a raccogliere, in particolare, le preferenze di famiglie e gruppi di amici. In aumento le prenotazioni attraverso i nostri tour operator anche per i viaggi tailor made e per i viaggi a taglio culturale, naturalistico e di avventura“.

Potrebbe piacerti anche

Turismo, Roma ‘invasa’ dagli stranieri

Il fascino della città eterna è immortale e il richiamo sui turisti esteri si ....

Vespa Color day: un weekend per celebrare un mito

Sabato 21 aprile e domenica 22 aprile la Primavera arriva in casa Vespa grazie ....

Trieste, nuovo Campo Marzio per turismo su rotaia

Nuova vita per la stazione di Campo Marzio di Trieste che, al termine di una ....