fbpx

    Van Gogh + Monet Experience, vivere l’arte

     
    Van Gogh + Monet Experience è un viaggio immersivo a 360° che porta il visitatore a vivere le esperienze dei capolavori dei due giganti della pittura, grazie alla tecnologia VR e all’oculus rift. La mostra resterà a Roma fino al 6 gennaio 2020.

    Seduti su uno sgabello girevole, cha facilità la fruizione della mostra, s’indossano gli occhiali oculus rift, le cuffie e si parte alla scoperta dei luoghi che hanno ispirato le opere dei grandi artisti. Il percorso virtuale inizia con Monet, uno dei padri dell’Impressionismo, la realtà virtuale ricostruisce un viaggio che inizia nel suo studio, ci porta poi tra le opere dell’artista.

    Sembra come di volare passando dal rosso vibrante de I papaveri al giallo de I covoni, dalla neve de la Gazza alle acque del Tamigi di Parlamento, al tramonto. E ancora, tra gli scorci di Bordighera e la sensazione di leggerezza de Le Ninfee fino alla stazione. Alla fine vi sembrerà di aver vissuto un po’ della vostra vita accanto a Monet.

    Opere di Vah Gogh animate

     

    Passando al tormentato Van Gogh, l’esperienza virtuale inizia dal risveglio nella sua camera da letto, prosegue poi all’esterno passando per la Casa Bianca, l’incontro delle contadine de La Siesta, nel Campo di grano con i corvi e poi Un campo di grano coi cipressi, fino all’arrivo della sera (abilmente curato da un effetto visivo), con La notte stellata La notte stellata sul Rodano, per tornare infine da dove eravamo partiti, la sua, famosa camera da letto. Ogni scena fa vivere ai visitatori, l’ambiente con gli occhi dell’artista trasformandosi in opera d’arte dopo aver esaurito la sua funzione descrittiva.

    «Questa mostra, realizzata con Next Exhibition, racconta innanzitutto quello che si può fare con l’audiovisivo e la realtà virtuale», ha spiegato nella sua introduzione il direttore di Videocittà, Francesco Dobrovich: «Si tratta di un percorso nuovo che accorcia le distanze, avvicinando all’arte anche i ragazzi e chi ne è meno avvezzo».