fbpx

    Tutti i colori della notte, Sylvio Giardina ad Altaroma

     
    Sono 12 i capolavori di alta sartoria per la collezione primavera/estate 2020 di Sylvio Giardina, il couturier nato a Parigi ma di origini siciliane che ha portato i colori della notte nella sala 1 del Guido Reni District per la sua sfilata di Altaroma.
    Nel buio totale della sala le bellissime modelle entravano con passo calibrato e movimenti sensuali, come dive di tempi lontani, illuminate dall’occhio di bue che le seguiva e sottolineava l’importanza degli abiti, su un percorso di glitter scintillanti e disegni arabescati.
    “Dark Celebration” è un inno a tutti le misteriose tinte che vanno dal crepuscolo alla notte più fonda e al cielo stellato. Tanto nero, ma variegato da infinite textures, il blu che si nascondeva tra le pieghe o che celava il volto con un manto di tulle. E infine i bagliori metallici del gunmetal, del bronzo e del ramato, che costruivano da una parte morbidi drappeggi di lurex, dall’altra rigide strutture scultoree e decorative.
    Una collezione sensuale ed estremamente raffinata, di una eleganza che arriva da lontano, dall’amore per l’arte e il cinema, dall’idea di una donna la cui rarefatta bellezza e perfezione diventano il simbolo della rinascita della Couture italiana.