‘Turismo dei matrimoni’, un fenomeno italiano

    Fotografia: Gli stranieri scelgono l'Italia per sposarsi (ANSA)

    Le nozze del principe Harry e di Meghan Markle, lontanissime da quelle tradizionali dei genitori e del fratello di lui, Carlo e Diana e William e Kate, hanno dimostrato quanto i matrimoni stiano cambiando.

    Le cerimonie nuziali non sono più quelle tradizionali di una volta, nella parrocchia di quartiere, alla presenza di tutti i parenti, anche i più lontani e sconosciuti. Ora si cercano soluzioni alternative, spesso lontane non solo da dove si è cresciuti ma anche dal proprio Paese.

    Di questo fenomeno ne sta beneficiando l’Italia. Sono oltre 8.000 le coppie che nel 2017 hanno scelto l’Italia per il proprio matrimonio e la Toscana è la prima destinazione con il 31,8% delle nozze seguita da Lombardia, 16%, Campania 14,7%, Veneto 7,9% e Lazio con il 7,1%.

    A livello nazionale il turismo dei matrimoni vale 440 milioni di euro di fatturato e 1.400.000 pernottamenti e coinvolge impiega oltre 50.000 addetti tra fiorai, fotografi, organizzatori di matrimoni (i ‘wedding planner’), servizi di catering e ristorazione e altri.

    Sono i dati presentati dal direttore di Toscana Promozione Turistica, Alberto Peruzzini e dalla direttrice del Convention Bureau, Carlotta Ferrari, che hanno riconfermato la collaborazione nel progetto Tuscany for weddings, l’iniziativa avviata nel 2015 per la promozione a livello internazionale del matrimonio in Toscana.

    Come ha spiegato il direttore scientifico del Centro studi turistici, Alessandro Tortelli, la Toscana nel 2017 ha ospitato oltre 2.500 matrimoni, con una spesa media di oltre 50.000 euro, per oltre 500.000 pernottamenti e un valore economico di oltre 140 milioni di euro, dando lavoro a oltre 2.800 operatori. I primi mercati sono il Regno Unito (39,7%), gli Usa (15,4%), seguiti da Australia, Germania e Olanda, con. in crescita. i mercati russo, brasiliano e cinese.

    Per le cerimonie vengono preferite le ville, gli hotel di lusso, i ristoranti e gli agriturismi, ma sono in aumento anche luoghi insoliti come spiagge o borghi storici. A guidare la classifica dei comuni toscani prescelti da questo particolare pubblico di nicchia, Firenze, Fiesole, Castelnuovo Berardenga e Certaldo. Quest’ultimo è il primo comune ad aver dato vita a un progetto organico, ‘Certaldo wedding’, che raccoglie e promuove le attività di 30 operatori locali specializzati in vari settori e concentrati su questo segmento di mercato dei servizi.

    Potrebbe piacerti anche

    Turismo: stranieri compreranno 70mln di bottiglie di vino italiano

    Anche quest’anno si stima che 62 milioni di turisti stranieri invaderanno il nostro Paese, ....

    Sardegna: al via la stagione di ‘Identità Nuragiche’,

    Mentre la Sardegna si appresta a varare nuovi modelli di ospitalità, programmazione e controllo ....

    Un francobollo per i 110 anni dell’Inter

    L’Inter festeggia 110 anni e celebra l’anniversario con un francobollo. Il francobollo reca la ....