fbpx

    Troppo tempo sulla app? Instagram vi avvisa

    Fotografia: Nuova funzione di Instagram in arrivo (ANSA)

    Il problema della dipendenza dal web si fa sempre più pressante. I giovani non riescono a fare a meno della connessione a internet e in alcuni Paesi sorgono centri specializzati per chi non riesce a staccare la spina dal mondo virtuale.

    Instagram, invece, sta per dirci quanto siamo dipendenti dalla sua app. Il social delle immagini, di proprietà di Facebook, a breve lancerà una nuova funzione che mostra agli utenti il tempo che trascorrono a guardare foto e video sulla piattaforma.

    La novità, scovata nel codice dell’applicazione e riportata online, è stata confermata dal Ceo di Instagram, Kevin Systrom: Stiamo costruendo strumenti che aiuteranno la nostra community a saperne di più circa il tempo che trascorrono su Instagram. Ogni momento dovrebbe essere positivo e intenzionale. E’ importante capire quanto il tempo online impatti sulle persone, ed è responsabilità di tutte le aziende essere oneste su questo. Vogliamo essere parte della soluzione. Prendo seriamente questa responsabilità“. La nuova funzione di Instagram, chiamata “Usage Insights”, è uno dei segnali che le internet company stanno dando per far sì che le persone alzino la testa dai loro smartphone. Google ha annunciato che la prossima versione di Android, “P”, avrà un sistema di gestione del tempo trascorso sulle app. L’utente potrà impostare le ore e i minuti che si concede su una determinata applicazione. Finito il tempo, l’icona dell’app diventerà grigia.

    Potrebbe piacerti anche

    Samsung, in arrivo tre nuovi centri per l’AI

    Le grandi aziende spingono sull’intelligenza artificiale (AI). Dopo Microsoft, che ha dichiarato di voler ....

    Provata per voi: Loquis, l’app fa ‘parlare’ la città

      di Giulia Vespoli “Se Roma potesse parlare, quante cose mi potrebbe raccontare?”. Roma ....

    Smartphone utili a diagnosticare patologie e disturbi mentali?

    C’è chi accusa gli smartphone di generare dipendenze, sindromi e paure (nomofobia, ringxiety, vamping, ....