fbpx

    Torna la Champions, le formazioni di Inter e Napoli

     

    Riapre la stagione del grande calcio, Inter e Napoli subito in campo. Match dei nerazzurri disponibile solo su Sky, la partita del Napoli in chiaro su Canale 5

    Torna, finalmente, la Champions League e due italiane sono già chiamate in campo stasera. Tra poco, alle 18.55, l’Inter dovrà vedersela contro lo Slavia Praga, mentre alle 21 il Napoli di Ancelotti affronterà nuovamente il Liverpool campione d’Europa.

    Il Napoli si affida a Mertens e Lozano

    La squadra partenopea al San Paolo torna a scontrarsi con i reds dopo la delusione dello scorso anno, quando Insigne aveva regalato agli azzurri il sogno qualificazione, naufragato però nella partita di ritorno con un Alisson straordinario che ha regalato il secondo posto al Liverpool e condannato Mertens e compagni.

    Proprio Mertens stasera sarà sicuramente in campo con la maglia da titolare e al fianco di uno tra Llorente e Lozano. Se nel corso della giornata le quotazioni dello spagnolo erano salite, secondo alcune fonti adesso sembra più probabile che a completare la coppia d’attacco ci sarà l’ex Tottenham. Ancelotti evidentemente preferisce la velocità del messicano alla potenza fisica di Llorente, che potrebbe comunque subentrare a partita in corso.

    Ecco la probabile formazione

    Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Ghoulam; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Insigne; Lozano, Mertens

    Conte: “Ho sempre avuto squadre appena nate, gli altri creature già formate”

    Sfida diversa quella che attende l’attuale capolista italiana, l’Inter di Antonio Conte. Lo Slavia Praga è alla sua seconda partecipazione in Champions (la prima risale al 2007/2008), squadra di tutt’altra caratura rispetto al Liverpool, ma che non va sottovalutata visto l’ottimo momento di forma fisica (viene da una vittoria per 3 a 0 contro lo Slovacko.

    Dubbi di formazione anche per Conte, dall’incertezza su Lukako e D’ambrosio al rientro di Vecino. La formazione più probabile comunque dovrebbe essere questa

    Handanovic; D’Ambrosio, de Vrij, Skriniar; Candreva, Gagliardini, Brozovic, Sensi, Asamoah; Lautaro, Lukaku

    D’Ambrosio al posto di Godin e Gagliardini preferito a Barella e Vecino. Candreva prenderà la fascia destra mentre l’attacco sarà affidato a Lukaku e Lautaro

    Conte prepara la partita già dalla conferenza stampa di ieri, in cui, oltre a definire gli obiettivi dell’Inter, risponde pungente a chi lo accusa di essere un allenatore da campionato:

    Il nostro obiettivo è dare il massimo, poi vedremo cosa accadrà e a cosa potremo ambire. Adesso è da folli porsi un obiettivo minimo o massimo.

    Quando gli chiedono cosa risponde a chi dice che è un allenatore da Champions

    Si vive di luoghi comuni. Ho giocato 3 Champions League, la prima con la Juve dopo aver vinto lo scudetto partendo da due settimi posti. La squadra era del tutto nuova e uscimmo ai quarti. L’anno successivo uscimmo ai gironi e arrivammo in semifinale di Europa League. Poi ho giocato la Champions con il Chelsea che veniva da un decimo posto, con una squadra del tutto rivoluzionata. Questa sarà la quarta partecipazione alla Champions. Poi tutti si aspettano che quando io tocco qualcosa, si vince. Ma non è così, questa competizione si affronta con una creatura già formata, cosa che gli altri hanno avuto modo di fare, mentre io ho sempre allenato creature appena nate. Questa è la risposta che mi sento di dare ai sapientoni (intervista riportata da Sky sport)