fbpx

    Tiffany lancia la prima collezione di gioielli da uomo

    Fotografia: Associated Press
    La nota casa di gioielli di lusso va oltre la tradizione, intraprendendo la strada “maschile”, nel campo dei gioielli e dell’arredamento. L’obbiettivo è quello di incrementare le vendite

     

    I tempi cambiano e anche la moda si rivoluziona. Per la prima volta, infatti, la nota azienda statunitense, fabbrica di gioielli, fondata nel 1837 a New York, amplia il proprio mercato, annunciando il lancio, a partire dal prossimo Ottobre, della sua prima collezione di gioielli per uomo. L’obbiettivo è aumentare le vendite dopo un rallentamento dovuto al calo degli acquisti da parte de turisti, diversificando il mercato e andando oltre i suoi clienti tradizionali.

    La collezione

    Sono circa 100 oggetti i cui prezzi variano fra i 200 e i 15.000 dollari. E la collezione è destinata ad ampliarsi anche all’arredamento, con pinze da giacchio e boccali di birra “only for men”. «Gli uomini in tutto il mondo indossano gioielli e accessori, che sono una parte importante dei loro guardaroba.  Iniziano a vedersi sulle passerelle di moda e sui social media» spiega Reed Krakoff, direttore artistico di Tiffany e creatore della linea. Alla nuova collezione uomo sarà dedicato uno spazio ad hoc nei 300 punti vendita Tiffany, separato dalla gioielleria da donna tradizionale, in modo da offrire ai potenziali clienti un’esperienza personalizzata e diversa.

    La sfida

    La sfida di Tiffany è cercare di prendere le distanze dall’idea di essere un marchio esclusivamente da donna e affermarsi come brand per tutti. Il vantaggio di Tiffany? Gli uomini sono già clienti abituali del brand, pronti a comprare i pezzi di gioielleria migliori per le loro amate. Tiffany ora dovrà convincerli ad acquistare per loro stessi. Ma non tutti sono convinti che la scommessa di Tiffany avrà successo: molti osservatori sostengono infatti che le pietre e i diamanti da uomo siano un fenomeno limitato solo alle passerelle e non per l’uomo comune. Altri marchi prevalentemente da donna sono riusciti ad ampliare il proprio pubblico agli uomini ma si è trattato di casi isolati e in altri settori, quali l’abbigliamento sportivo e casual.

    Tra i punti fermi, a favore della sfida di Tiffany, c’è il fatto che il mercato di gioielli da uomo sta crescendo. Le vendite sono ammontate a 5,8 miliardi di dollari nel 2018, in aumento del 23% rispetto al 2013. Si tratta ancora di una nicchia rispetto al mercato da 33,2 miliardi di dollari dei gioielli da donna. Una nicchia che Tiffany vuole sfruttare.