fbpx

    Teatro greco di Siracusa, appuntamento con i ‘classici’

    Fotografia: Il Teatro greco di Siracusa (Di Roberto La Rosa/Shutterstock)

    Ancora pochi giorni e prenderà il via il 54esimo Festival del Teatro greco di Siracusa, con un ciclo di ciclo di rappresentazioni classiche, dal 10 maggio al 24 giugno, e dal 28 giugno all’8 luglio.

    Il Teatro greco di Siracusa fu edificato nel V secolo a.C., all’interno del Parco archeologico della Neapolis, sulle pendici del colle Temenite e ricostruito nel III secolo a.C., prima di essere ritrasformato in epoca romana. Dal 1914, con la nascita dell’INDA, lo spazio scenico del teatro è stato utilizzato per le cosiddette “rappresentazioni classiche” di tragedie e commedie greche.

    Sei le produzioni per l’edizione numero 54: “Edipo a Colono” di Sofocle, per la regia di Yannis Kokkos; “Eracle” di Euripide, diretto da Emma Dante, e “I Cavalieri” di Aristofane (per la prima volta in scena), regia di Giampiero Solari. Due le serate speciali: “Conversazioni con Tiresia”, scritto e interpretato da Andrea Camilleri, per la regia di Robertò Andò; “Palamede”, di e con Alessandro Baricco. Dal 12 al 15 luglio torna in scena “Le rane” di Aristofane, con Salvo Ficarra e Valentino Picone, diretti da Giorgio Barberio Corsetti.

    “Eracle” vedrà in scena solo interpreti femminili: “Di questa tragedia – scrive Emma Dantemi interessa la fragilità, perché non è la forza né il potere a renderlo virile. E’ la sua anima e il suo coraggio a fare di lui un essere umano, non certo i suoi muscoli. Penso a una comunità androgina, dove il potere viene fatto a pezzi e sostituito dal candore dell’infanzia, della purezza“.

    C’è attesa per la “Conversazione su Tiresia”, l’11 giugno, quando Camilleri prenderà a pretesto l’indovino cieco, che predice le sventure di Edipo, per raccontare se stesso in teatro, e meditare ad alta voce sulla cecità e sul tempo, sulla memoria e sulla profezia.

    Tra gli attori troviamo: Massimo De Francovich, Roberta Caronia, Sebastiano Lo Monaco, Stefano Santospago per l’Edipo; Serena Barone, Naike Anna Silipo, Maria Giulia Colace per Eracle; Francesco Pannofino, Giovanni Esposito, Antonio Catania e Gigio Alberti per I cavalieri.

    Il ciclo delle tragedie classiche si è trasformato in un festival del Teatro Antico, animato anche da tre conferenze: Massimo Cacciari il 31 maggio, Luciano Canfora il 28 giugno e Alessandro Baricco il 16 luglio.

    • Mostra Commenti

    L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

    Commento *

    • name *

    • email *

    • website *

    Potrebbe piacerti anche

    A Cannes è il giorno di Garrone, presenta il suo “canaro”

    Giornata di gala al 71esimo Festival di Cannes per il secondo film italiano in concorso di ....

    Hellboy sfida Milla Jovovich, la Regina di Sangue FOTO

    “Hellboy” di Neil Marshall – regista rivelazione per l’horror “The Descent – Discesa nelle tenebre” ....

    Halloween trionfa al box office

    Trionfo annunciato per Halloween. Quaranta anni dopo il primo episodio della serie (il film ....