Tastiera MacBook: Apple rischia class action?

Fotografia: MacBook: sono davvero difettose le tastiere? (Shutterstock)

Quasi 1000 miliardi di capitalizzazione, vendite degli smartphone in crescita, nuove politiche sulla sostituzione degli iPhone X che presentano un problema al Face ID, e sviluppo di tecnologie nel campo dei visori.

Nonostante le note positive in casa Apple, il vento della class action sta portando nuvoloni neri all’orizzonte di Cupertino.

Apple rischia di dover fronteggiare una class action per un problema riscontrato nelle tastiere dei suoi computer portatili prodotti a partire dal 2015. Uno studio legale si è infatti rivolto a un tribunale californiano denunciando i malfunzionamenti e chiedendo lo status di azione collettiva.

Oggetto della causa è il meccanismo “a farfalla” su cui si basano le tastiere dei MacBook messi in vendita dal 2015 e dei MacBook Pro commercializzati dal 2016. Il meccanismo consente di creare computer più sottili e, secondo Apple, migliorerebbe le tastiere rendendole più reattive e robuste. Diversi utenti nel corso degli ultimi anni hanno però segnalato problemi che vanno dai tasti bloccati a rumori fastidiosi durante l’utilizzo.

Secondo lo studio legale Girard Gibbs, la tastiera sarebbe “prodotta e assemblata in modo tale che un minimo quantitativo di polvere o sporco blocca i tasti”. Il difetto, si legge nel documento, riguarderebbe “migliaia di consumatori”.

Sempre per gli avvocati, inoltre, “Apple sapeva che il MacBook era difettoso quando lo ha messo in commercio”. Le riparazioni non hanno risolto il problema in modo definitivo, proseguono i legali, e quelle fuori garanzia sono costate agli utenti tra i 400 e i 700 dollari.

Potrebbe piacerti anche

La UE indaga sulla fusione Apple-Shazam

Questa acquisizione non s’ha da fare. La Ue sta indagando sulla acquisizione di Shazam ....

Dieci anni di App Store Apple

In pochi ricorderanno i primi smartphone e i primi store online dove la scelta ....

Privacy: novità in casa Facebook

Novità in casa Facebook a livello di privacy in vista dell’entrata in vigore del ....