Stimolare il cervello per combattere l’obesità

    Fotografia: ANSA

    Stimolare il cervello dall’esterno in modo del tutto indolore e non invasivo potrebbe aiutare la lotta all’obesità: ridurrebbe la voglia di cibo ripristinando una corretta sensazione di gratificazione offerta dal mangiare (sensazione che è alterata negli obesi) e, quindi, aiutando il controllo dell’appetito.

    E’ quanto dimostrato in un lavoro italiano presentato oggi a Barcellona in occasione del meeting annuale della European Society of Endocrinology.

    Lo studio è coordinato da Livio Luzi dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Policlinico San Donato e fa parte di una sperimentazione più ampia che va avanti da 4 anni.

    La stimolazione usata in questi lavori è la transcranica profonda (dTMS), che invia (mediante un caschetto che il paziente indossa mentre è comodamente seduto su una poltrona) onde magnetiche al cervello. Si tratta di un metodo già usato ad esempio su pazienti depressi.

    Al momento, è stato dimostrato che la stimolazione ad alta frequenza (18 hertz) somministrata per 5 settimane (3 sessioni a settimana di mezz’ora ciascuna) produce (insieme a una dieta bilanciata in cui si tagliano in media 300 calorie al fabbisogno giornaliero di ciascun paziente) un calo ponderale del 6-7% che si mantiene a lungo termine (per oltre un anno). Senza la stimolazione il calo ponderale è significativamente inferiore, fermandosi al 2-3%.

    La TMS aumenterebbe le endorfine (molecole del piacere) in circolo, ripristinando un’adeguata sensazione di piacere legata all’ingestione di cibo, sensazione che nell’obeso è alterata inducendolo a mangiare di più per sentirsi gratificato.

    Potrebbe piacerti anche

    Il caffè? Tiene svegli ma fa bene al cuore

    Una volta si diceva che troppi caffè potevano fare male. Oggi, invece, i pareri ....

    Giornata Mondiale contro il Tabacco: i numeri del vizio

    Gli italiani non riescono a togliersi il vizio delle sigarette e il numero dei ....

    La fame aumenta stress e negatività

    Il vecchio adagio che recita “Ho una fame che non ci vedo” andrebbe modificato ....