fbpx

    Spotify contro Apple: App Store limita i concorrenti

    Fotografia: Spotify, accuse pesanti verso Apple (norazaminayob / Shutterstock.com)

    E’ scontro fra i colossi Spotify e Apple. Il big della musica in streaming ha accusato Cupertino di abusare del controllo sull’App Store per limitare i servizi in concorrenza con Apple Music. La denuncia antitrust di Spotify è stata presentata all’Unione Europea.

    Negli ultimi anni Apple ha introdotto regole per limitare la scelta e soffocare l’innovazione a danno dell’esperienza dei clienti – afferma l’amministratore delegato di Spotify, Daniel Ek, sul blog della società –  Cupertino richiede a Spotify e ad altri servizi digitali di pagare una tassa del 30% sugli acquisti effettuati tramite il sistema di pagamento di Apple, incluso l’upgrade per il nostro servizio Premium; pagando questa tassa saremmo costretti ad alzare artificialmente i prezzi per i nostri abbonamenti Premium decisamente al di sopra del prezzo di Apple Music:  per mantenere i nostri prezzi competitivi per i clienti, questo è qualcosa che non possiamo fare“.

    Se scegliamo di non usare il sistema di pagamenti di Apple, la Mela allora applica una serie di restrizioni a Spotify. Per esempio limita le nostre comunicazioni con i clienti. In alcuni casi non ci è neanche consentito di inviare email ai nostri clienti che usano Apple – aggiunge Ek – Non vogliamo alcun trattamento speciale. Vogliamo semplicemente lo stesso trattamento riservato a numerose altre app sull’App Store, quali Uber e Deliveroo, che non sono soggette alla tassa di Apple e quindi non hanno le stesse restrizioni“.