fbpx

    Shazam è… Captain Marvel! I “segreti” del nuovo film

    Fotografia: Una scena del film

    E’ nei cinema Shazam! ma cosa si sa dell’eroe della DC Comics sbarcato sul grande schermo, molto popolare negli Usa e meno in Italia.

    Per prima cosa, il muscoloso supereroe in tuta rossa con un fulmine stampato sul petto – alter ego dell’orfano William Billy Batson scelto dal Mago Shazam e dotato di superpoteri per difendere la giustiziain principio si chiamava Captain Marvel e il suo primo albo uscì nel febbraio del 1940. Il personaggio conquistò subito i favori del pubblico – particolare lo stile delle tavole, a volte realistico, altre al limite del deformed –  e, per lungo tempo, registro vendite superiori ai celebri Superman e Batman, con tirature addirittura doppie rispetto all’ultimo figlio di Krypton e all’uomo pipistrello.

    Il fumetto fu pubblicato fino al 1953, anno in cui la DC Comics vinse la causa intentata contro la Fawcett Comics, casa editrice del fumetto: Captain Marvel fu ritenuto un plagio di Superman. Quell’anno, terminò non solo la pubblicazione delle avventure di di William Billy Batson e del suo alter ego ma anche della Golden Age del fumetto, il periodo durante il quale i comics non solo ebbero uno straordinario successo ma anche quello in cui furono stabiliti molti dei principali canoni supereroistici, validi ancora oggi.

    Se non puoi batterli, unisciti a loro”. A distanza di 20 anni, nel 1973, la DC acquisì i diritti per pubblicare Captain Marvel e i personaggi del suo “ecosistema”. Unico inconveniente della “riesumazione” fu il nome: la Fawcett Comics era fallita. I diritti sul nome, rimasti vacanti, furono acquisiti dalla Marvel che battezzò così l’eroe Kree, primo del suo nome, che ha avuto come successore la celebre supereroina oggi protagonista sul grande schermo.

    A scrivere il nuovo ciclo fu chiamato Dennis O’Neil, autore di alcune delle più belle pagine di Batman e creatore di uno dei più grandi villain del cavaliere oscuro: Ra’s al Ghul. L’autore ebbe l’ingrato compito di spiegare l’assenza dal mondo di Shazam per 20 anni, operazione simile a quella utilizzata per riportare in vita Captain America nelle testate Marvel. La serie, tuttavia, incappò nel periodo nero dei comics statunitensi e fu cancellata, assieme ad altre 19 testate, mentre le storie dell’eroe continuarono a essere pubblicate in alcune antologie.

    Dieci anni dopo, la svolta. Tra il 1985 e il 1986, la Dc decise di mettere ordine nel suo universo, fatto di mondi paralleli, decine di testate ma soprattutto tanta confusione. Il crossover “Crisi sulle Terre infinite” (disegnato da George Perez, autore anche di The Infinity Gauntlet della Marvel) ridisegnò il mondo di Superman&Co: la sua storia di Shazam precedente al 1986 fu azzerata. Questa nuova giovinezza, permise ai nuovi autori di evidenziare una delle caratteristiche che emerge maggiormente nel film: una volta trasformato, Billy diventa un adulto solo nel fisico, mantenendo il comportamento di un quindicenne (nel fumetto undicenne).

    Come avviene per molti supereroi, i fan da tempo si chiedono “chi è più forte fra Shazam e Superman?” Henry Cavill, attore che interpreta l’incarnazione cinematografica più recente di Superman ha risposto…Batman! Secondo lui Superman non picchierebbe un bambino nel corpo di un eroe mentre Shazam, in quanto undicenne, non potrebbe sconfiggere il krytoniano.  Ecco allora entrare in gioco il cavaliere oscuro.