Sesso a tavola con 20 cibi afrodisiaci

 

Leone sotto le lenzuola? Eccovi una piccola guida alla benzina che vi serve in camera da letto: 20 “supercibi” che vi faranno fare i fuochi d’artificio.

Peperoncini
Usarli come contorno a cena vi permetterà di trasportare il piccante dalla cucina alla camera da letto. La responsabile del bruciore che sentite in bocca dopo aver mangiato questo cibo è la capsaicina, che migliora la circolazione sanguigna ed è perfetto per una notte di fuoco. I peperoncini aumentano il benessere stimolando le endorfine – le molecole del piacere – e aumentando la frequenza cardiaca.

Banane
Amate dagli sportivi e non solo… non dovrebbero mai mancare nemmeno sulle tavole dei più pigri. Le banane infatti regalano al nostro corpo vitamina B e potassio, oltre al testosterone. Il giusto mix per una serata perfetta.

Carne
Una bella scorpacciata di ferro e proteine è quello che serve per aumentare energia e forza. Se poi il cibo è anche buono come la carne rossa… non resta che cucinare una bella bistecca a cena. Anche lei si accorgerà della differenza.

Asparagi
Ricchi di vitamina B, essenziale per la circolazione, favorisce l’erezione. Certo, gli asparagi non sono famosi per conferire un piacevole odore alle urine ma a quanto è un prezzo che vale la pena pagare.

Avena
Probabilmente non sarà mai il vostro piatto preferito, ma potrebbe davvero esservi utile, visto che aumenta il livello di testosterone nel sangue. Un gruppo di ricerca californiano ha infatti dimostrato che gli uomini che la mangiano quotidianamente per almeno otto settimane hanno performance migliori sotto le lenzuola rispetto a chi non assaggia questo alimento.

Champagne
Bene ma non benissimo: bisogna sapersi fermare. In piccole quantità infatti l’alcol eccita e ci rende brilli senza essere ubriachi e quindi senza compromettere la propria performance. Attenzione quindi alle quantità.

Avocado
Ricco di vitamina E e di Omega3, è considerato un potente afrodisiaco fin dai tempi degli Aztechi, è tornato recentemente di moda sulle nostre tavole. E allora perché non approfittarne e sperimentare in prima persona se i risultati sono quelli promessi?

Acqua
Non è uno scherzo. Se sappiamo tutti che bere acqua fa bene, ricordiamoci che non farlo mette a repentaglio anche il buon funzionamento del corpo dalla cintura in giù. Una corretta idratazione è quindi un suggerimento tanto semplice quanto efficace per evitare il flop.

Aglio
Ebbene sì, vale la pena avere l’alito che puzza. L’aglio contiene infatti l’allicina, una sostanza che aumenta il flusso sanguigno favorendo l’erezione.

Sedano
Il sedano stimola l’ipofisi, una delle ghiandole più importanti per il rilascio di ormoni sessuali. Contiene inoltre l’androsterone, un ormone che dona alla pelle un odore eccitante per le donne. Serve anche a rinfrescare l’alito e potrebbe essere usato in combo con l’aglio (ricordatevi l’ordine giusto però).

Melograno
Frutto afrodisiaco per eccellenza, (è il simbolo di Afrodite, la dea della fertilità), aumenta il testosterone e abbassa il cortisolo, che significa poco stress e alto livello di eccitamento.

Miele
Contiene il boro, un minerale che regola gli estrogeni e il testosterone, interruttori della libido essenziali per la vita sessuale. Un cucchiaino al posto dello zucchero aumenta anche la carica energetica, che male non fa.

Pesce
La vitamina B di cui è ricco aumenterà sicuramente la vostra virilità. Per i secchioni: la b3 è responsabile del metabolismo anaerobico, che migliora il flusso sanguigno, mentre la B6 regola i livelli di prolattina, l’ormone che rende il sesso ancora più piacevole perché controlla il desiderio sessuale.

Fragole
Ancora una volta i benedici sono legati alla circolazione: le fragole sono ricche di vitamina C, che mantiene una corretta pressione sanguigna in tutto il corpo, compresa la parte che ci interessa di più sotto le lenzuola.

Kiwi
Come le fragole, i kiwi contengono alti livelli di vitamina C, che significa intesa sessuale e piacere.

Fichi
Si dice fossero il frutto preferito di Cleopatra e sono simbolo di sensualità. Contengono potassio, flavonoidi e antiossidanti. Tutto molto bello, ma attenzione alle quantità: sono anche un potente lassativo.

Canapa
Ricca di acidi grassi, sta vivendo un momento d’oro perché riscoperta in molte ricette. Approfittatene e aggiungetela a semi nell’insalata o provatela in una delle sue innumerevoli varianti (si trova addirittura il latte). Grazie agli acidi grassi incrementerà la produzione di ormoni sani e con loro si notti di passione.

Noci
Con una manciata al giorno cuore e circolazione ringraziano. E quando loro stanno bene migliora anche la qualità del sesso.

Uova
Ricche di vitamine B5 e B6, entrambe regolano la produzione di ormoni e tengono sotto controllo lo stress. E si sa che lo stress è il nemico numero 1 dell’erezione. Per non sbagliare, le uova contengono anche il colesterolo “buono”, che aumenta il testosterone.

Maca
Questa erba delle Ande aumenta la libido, il numero di spermatozoi e la fertilità. Ci sono numerosi studi che confermerebbero le proprietà afrodisiache del maca e uno studio peruviano ha dimostrato che basterebbero 3 grammi di radice al giorno per aumentare le erezioni.

Cioccolato fondente
Un grande classico, il cioccolato fondente contiene feniletilammina, uno stimolante del sistema nervoso rilasciato nel cervello durante l’innamoramento. L’effetto è simile a quello delle endorfine liberate durante il sesso. Ottimo quindi un dessert al cioccolato al termine di una cena che lascia intravedere un prosieguo piccante.

  • Mostra Commenti

L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Potrebbe piacerti anche

Prima Giornata nazionale per la salute e il benessere nelle città

In programma oggi e domani a piazza San Silvestro, a Roma, la prima Giornata ....

Estate in arrivo: il troppo e il poco sole fanno entrambi male

Vedendo alcune persone al mare, stese sui lettini per ore sotto il sole, ci ....

Quanto sei longevo? Calcola la tua età-fitness

Vuoi sapere quanto sei longevo? Basta misurare il massimo consumo di ossigeno che un soggetto ....