fbpx

    Sei Nazioni al Galles, cucchiaio di legno all’Italia

    Fotografia: Galles vittorioso nel Six (ANSA)

    Tutto in una volta. Il Galles ha battuto 25-7 (16-0) l’Irlanda a Cardiff, conquistato il Grande Slam, cinque vittorie su cinque nel torneo, e vinto il Sei Nazioni 2019. Nella giornata conclusiva del torneo, i dragoni hanno sconfitto la formazione che alla vigilia era data per favorita per il successo nel più antico torneo al mondo di rugby e, grazie a questo prestigioso risultato, si sono inseriti di prepotenza tra le poche avversarie della Nuova Zelanda per il prossimo Mondiale.

    Alfa e omega, gioia e tristezza. Se da una parte i britannici gioiscono per aver conquistato il Six, dall’altra fa da contro-altare l’Italia, sconfitta 25-14 all’Olimpico da una Francia non irresistibile, una delle più brutte di sempre. Gli azzurri hanno sprecato un’occasione d’oro per evitare il cucchiaio di legno e interrompere una lunghissima striscia di sconfitte nel torneo, ben 22. Peccato, imporsi sui transalpini avrebbe significato confortare il gran lavoro fatto dal clan azzurro negli ultimi anni, una crescita costante a livello di gioco non solo della Nazionale ma anche delle due franchigie in Pro 14, specialmente della Benetton, diventata ormai un top club.

    Dopo un primo tempo di enorme pressione – con un 6-0 in avvio che aveva fatto ben sperare grazie a due calci di Allan – e una ripresa in cui l’Italia era riuscita ad avvicinarsi alla Francia grazie a una bellissima meta di Teo Tebaldi, il momento clou del match è stato proprio a 5′ dalla fine, sul risultato di 14-20 per i francesi. Capitan Parisse sfonda sulla sinistra, la palla finisce a Zanon ma Penaud compie un autentico miracolo nel disarcionare l’ovale dalle braccia dell’azzurro e la meta, dopo il controllo al Tmo, viene annullata. Poco dopo lo stesso Penaud chiude il match con la seconda meta del 14-25.

    E’ davvero incredibile pensare che abbiamo perso la partita – ha commentato Conor O’Shea  – Normalmente è facile ricordare quelle che sono state le cose che sono andate meno bene in un match, ma questa volta ricordo più le volte in cui abbiamo avuto tante occasioni per andare a segnare. E’ molto duro adesso analizzare quelle che sono stati gli episodi che hanno segnato negativamente questa partita. Sono molto deluso per il risultato per i ragazzi e per i nostri tifosi, ma devo guardare avanti verso le prossime sfide che ci attendono. Con tutto il cuore volevamo vincere questa partita, i ragazzi sono stati davvero incredibili e quello che danno ogni volta per l’Italia è incredibile. In questa partita la nostra precisione ha fatto la differenza.

    Ghiraldini infortunato a fine gara (Raffaele Marino)

    Prima dell’inizio del Torneo avevamo detto che questo sarebbe stato il 6 Nazioni più difficile da affrontare per il grande livello delle altre squadre che andavamo ad affrontare – ha aggiunto il capitano azzurro Sergio ParisseNon trovo davvero le parole per analizzare la partita di oggi, usciamo con la sensazione che abbiamo dominato e che abbiamo avuto forse anche un po’ di sfortuna. Abbiamo perso tante occasioni, ma abbiamo dimostrato di essere fisicamente superiori a loro, questo vuol dire che la cultura del lavoro che abbiamo portato avanti è quello giusta ed è quella che dobbiamo portare verso la Coppa del mondo. A questo livello essere fisicamente pronti e lavorare con intensità è importante e lo abbiamo dimostrato.

    Oltre alla sconfitta, tra le note negative della giornata si registra l’infortunio al ginocchio del tallonatore azzurro Leonardo Ghiraldini. Ora si attende di sapere se il giocatore potrà riprendersi in tempo per i Mondiali in Giappone.