fbpx

    Samanta Bullock lancia collezione per donne disabili

    Fotografia: Samanta Bullock (Lawson Filho Pictures)

    Dalla tragedia al successo. Samanta Bullock, modella anglo-brasiliana rimasta su una sedia a rotelle dall’età di 14 anni, quando fu raggiunta da un proiettile, ha realizzato una linea di abbigliamento adatto alle donne con disabilità.

    Così, dopo i successi nello sport (medaglia d’argento nel 2007 alle Pan An Games) è arrivato quello nella moda. Capi pratici, adattabili, sostenibili, ma soprattutto inclusivi, in vendita on-line da giugno. E’ questa la priorità della modella che vivendo il problema in prima persona, ha voluto dedicare la sua attenzione alla comodità della moda per chi come lei è costretta a stare seduta tante ore. “Se ci sono delle modelle disabili in passerella – aveva preannunciato Samanta un anno fa – è importante anche che gli stilisti pensino alla vita delle persone con difficoltà motorie“. “Una donna per essere sicura di sé – sostiene la modelladeve potersi sentire comoda e bella nei suoi abiti e nella sua vita quotidiana, a prescindere dall’uso di una sedia a rotelle“.

    Ogni capo del suo brand è stato infatti creato per essere “comodo, utile e seducente anche per le persone costrette a stare sedute per lungo tempo durante il giorno. Diversi gli stilisti emergenti che hanno supportato Samanta nel suo progetto: Rua Luja, London Organic, Bekoffee, Caroline, Gunda Hafner, Peter Twiss, Contessina London e Amaelia. Parte dei ricavi della vendita verrà donato a Motivation, organizzazione benefica che fornisce sedie a rotelle alle persone bisognose in tutto il mondo.