fbpx

    RIP Rip Torn: il Man in Black lascia questo mondo

     

    Rip Torn, uno dei protagonisti di Men in Black e dell’adolescenza di molti ragazzi degli anni ’90 ci abbandona all’età di 88 anni.

    L’attore statunitense, Rip Torn, è morto nella sua abitazione di Lakeville in Connecticut (Stati Uniti), all’età di 88 anni. Ancora non si conoscono bene le cause del decesso; tuttavia si presume essere stato il naturale decorso della vita e dell’avanzamento degli anni.

    Torn è stato un grande interprete in svariati film di culto, ma quello che lo ha definitivamente consacrato tra le star del cinema è uno dei film più visti della fine degli anni ’90: Men in Black.

    Nel celebre film di Barry Sonnenfeld, Rip Torn interpretava l’agente Z al fianco di Will Smith e Tommy Lee Jones.

    Nato a Temple (Texas) il 6 febbraio 1931, Rip diventa attore dopo aver studiato recitazione presso il famoso Actors Studio. Debutta nel 1956 nel film “Baby Doll – La bambola viva” di Eliza Kazan. Candidato anche al premio Oscar come miglior attore non protagonista per il film “La foresta silenziosa” di Martin Ritt nel 1984. Ha vinto un Emmy Award per la sua interpretazione del produttore Artie nella serie The Larry Sanders Show, prodotta da HBO.  Tra le sue ultime apparizioni cinematografiche ricordiamo quella in “Marie Antoinette” di Sofia Coppola, nel 2006.

    Il suo compagno di set nel film Men in Black – nonché affezzionatissimo amico – Will Smith, è stato uno dei primi a ricordare la memoria dell’attore con un post su Instagram.