fbpx

    Riace: l’immigrazione che sbarca su Marvel

    Fotografia: Shutterstock

    La Marvel Comics ha dedicato una breve storia al caldissimo tema dell’immigrazione scegliendo come sfondo la città di Riace.

    Marvel Comics ha raccontato una breve storia (di una sola pagina) sull’immigrazione, ambientandola in Italia, per la precisione nel comune di Riace in Calabria, negli ultimi tempi al centro del dibattito nazionale (e non solo) per le vicende legate all’ “eccessiva apertura” e disobbedienza civile del suo ex sindaco Mimmo Lucano.

     

    Sopra acque agitate

    La sceneggiatura è stata affidata alla poetessa e sociologa Eve L. Ewing, mentre i disegni sono stati prodotti dalle mani esperte di Jen Bartel.

    Il breve racconto è contenuto in Marvel Comics #1000, un albo pubblicato in questi giorni negli Stati Uniti per celebrare gli 80 anni della casa editrice del compianto Stan Lee.

    La protagonista della storiella è una piccola bambina africana, ospite di un centro di accoglienza del comune calabrese, la quale non riesce a proferire parola a casa dei traumi subiti durante il viaggio della speranza nelle pericolose acque del Mar Mediterraneo.

    Tuttavia, la ragazzina riesce ad esprimersi e comunicare attraverso i disegni.

    In uno di questi schizzi, ad un certo punto, si vede come sia stata Tempesta (la supereroina/divinità degli X-Men con origini africane) a salvarla dalle intemperie del mare.

    «So come ci si sente. Credimi» dice Tempesta alla bambina durante il salvataggio.

     

    Chi è Tempesta?

    Nei fumetti Marvel, Ororo Munroe (vero nome del personaggio) era la figlia di una principessa di una tribù kenyota e di un giornalista americano cresciuto in Egitto. Rimasta orfana a causa di un aereo precipitato sulla sua casa, Ororo iniziò un addestramento da ladra fra le pericolose strade del Cairo. Dopo aver scoperto i propri poteri di controllo dei fenomeni atmosferici, la ragazza si spostò nell’Africa nera, dove iniziò ad essere venerata come una dea, prima di essere arruolata dal Professor X per far parte dei suoi X-Men.

     

    Marvel style

    Questa storia, intitolata “Over Troubled Water” (“Sopra acque agitate”), pone al centro dell’attenzione un tema di grande attualità come quello dell’immigrazione dall’Africa all’Europa.

    Complimenti alla Marvel Comics che, come ha sempre fatto, riesce ancora oggi a sensibilizzare le masse su questioni morali ed etiche delicate, facendole comunque divertire e sorridere.