Identikit del “divorziatore seriale”

 

Diplomato, poco religioso, sposato in giovane età, traditore e figlio di divorziati. Se vi riconoscete in questo profilo, uomo o donna che siate, sappiate che il rischio che il vostro matrimonio finisca con la stessa rapidità che avete impiegato a dire “sì lo voglio” sono elevatissime. A realizzare l’identikit del “divorziatore seriale” è lo psicologo della Ball State University Justin Lehmiller, il quale sul blog Sex and Psychology ha anche sfatato qualche falso mito piuttosto comune.

L’esperto spiega
Fino a non molto tempo fa, spiega Lehmiller, gli scienziati erano convinti che la convivenza fosse un fattore principale di rischio per il matrimonio, ma l’effetto che era stato notato fino ai primi anni 2000 ora non si nota più. A contare è invece l’età a cui ci si sposa o si va a convivere. “Se la convivenza non predice più il divorzio come succedeva un volta – si legge – l’età invece lo fa. Prima una coppia si sposa o va a convivere e maggiori sono le probabilità che divorzi”. La ‘finestra ottimale’ d’età per una unione duratura sembra essere intorno ai 25-32 anni.

Un altro comportamento che mette a rischio i legami, poco sorprendentemente, è l’infedeltà. Uno studio durato 17 anni e pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationship non è riuscito però a stabilire se sia l’aver tradito ad aumentare i divorzi o piuttosto l’inclinazione a divorziare a favorire i tradimenti.

Una misura più precisa si ha invece per altre variabili demografiche come l’istruzione. Le donne laureate hanno il 78% di probabilità che il matrimonio duri 20 anni contro il 41% delle diplomate, mentre per gli uomini le percentuali sono rispettivamente 65% e 47%.

La  religione ha un effetto simile al titolo di studio, alzando la probabilità di un matrimonio lungo. Per finire, un po’ a sorpresa, sembrerebbe esserci una predisposizione familiare al divorzio, con i figli di coppie divorziate che hanno un rischio maggiore. “E’ interessante notare che le ultime ricerche sembrano dimostrare che la ragione sia genetica, visto che le probabilità di divorzio delle persone sono legate a quelle dei genitori biologici e non di quelli adottivi – sottolinea lo psicologo – L’ipotesi è che ci sia una predisposizione ad alcuni tratti della personalità come il neuroticismo, cioè l’instabilità emozionale, o l’impulsività che aumentano il rischio di divorzio”.

Quello che invece secondo Lehmiller non avrebbe un effetto di sicuro negativo sarebbe l’utilizzo di materiale hard. “Un paio di studi hanno suggerito che l’utilizzo del porno possa costituire un fattore di rischio per il benessere della coppia – scrive – e sappiamo che l’uso compulsivo da parte di uno dei partner può compromettere una relazione in alcuni casi. Molte altre ricerche però indicano che l’uso condiviso da parte di entrambi i membri della coppia possa essere in realtà salutare”.

  • Mostra Commenti

L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Potrebbe piacerti anche

Ritrovare la serenità nelle comunità del benessere

La nuova moda negli Stati Uniti sono le comunità del benessere che offrono ai ....

In forma con porzioni ridotte e i cibi preferiti

Dopo la prova costume ecco quella del rientro in ufficio. Per gli italiani la ....

Seduzione: quando la lunghezza è importante

Attraggono, seducono, costituiscono un elemento fondamentale per conquistare l’altro sesso. Sono le gambe…degli uomini. ....