Ragazzi e smartphone, i numeri dell’allarme

Fotografia: Ragazzi comunicano via chat, ignorando gli amici (Shutterstock)

Il territorio delle conseguenze da uso prolungato di smartphone è in parte inesplorato. Quelle che qualche anno fa non sembravano patologie legate al troppo tempo trascorso sui device, oggi sono dei casi clinici, curati in strutture specializzate mentre sono in aumento le problematiche relative all’interazione sociale.

Secondo un’indagine di Common Sense, organizzazione no-profit americana sul rapporto tra adolescenti e tecnologia è emerso che l’89% dei ragazzi possiede uno smartphone – praticamente il doppio rispetto alle rilevazioni del 2012 (41%) – mentre il 57% degli intervistati ammette che il loro uso li distrae facilmente mentre fanno i compiti o stanno con altre persone (54%).

E proprio il contatto umano è uno dei punti critici dell’indagine. La percentuale di ragazzi che privilegiano l’interazione di persona nel 2012 era del 49%, ora è scesa al 32%, con l’uso della chat come modalità di comunicazione preferita. Inoltre, il 44% si sente frustrato se gli amici sono al telefono mentre stanno insieme.

Inoltre, per molti è problematico staccare dalla realtà virtuale: un terzo del campione è stato svegliato dai telefoni la notte con chiamate, chat o notifiche. Da non sottovalutare, poi, il cyberbullismo, denunciato dal 13% del campione, vittima di attacchi online.

Per quanto riguarda l’uso dei social, il 44% preferisce Snapchat, mentre Facebook è crollato al 15% contro il 68% del 2012

Potrebbe piacerti anche

Fumo. Muoversi aiuta a scacciare il vizio

Un po’ di sana attività fisica aiuta a “dimenticare” il vizio del fumo. Quando ....

Tintarella e calvizie, dall’Inghilterra studi e rimedi

Ci sono due temi legati alla bellezza/estetica che, soprattutto in estate, scatenano gli esperti ....

Non leggere e usare troppo i videogiochi abbassa il QI

Leggere poco e passare troppo tempo sui videogiochi potrebbero essere fra le cause che, ....