fbpx

    Più di un bambino su due sarà figlio di incontri online

    Fotografia: ansa foto
    Il 35% di chi ha trovato il proprio partner online ha avuto un figlio a distanza di un anno dal primo incontro. Entro il 2037 più della metà dei bambini saranno “e-bebé”. Internet si sta sostituendo ai metodi “tradizionali” di conoscenza. Quali sono i rischi?

    Dal report ‘Future of Dating’ emerge che dall’inizio del nostro secolo sono nati tre milioni di bambini da coppie che si sono conosciute su internet. Ad un anno di distanza dal primo incontro il 35% di chi ha trovato il proprio partner online ha avuto un figlio e nel 18% dei casi le coppie nate sul web hanno due bambini.

    Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College Business School di Londra per il sito di appuntamenti online eHarmony, i bimbi nati da coppie che si sono conosciute online, gli “e-bebè”, entro il 2037 saranno più della metà delle nascite.
    L’analisi è stata condotta partendo dai dati di un sondaggio condotto dallo stesso portale su 4.008 adulti del Regno Unito e dai tassi di natalità dell’Organizzazione mondiale della sanità.

    A far alzare la percentuale sono i giovani tra i 18 e i 35 anni, tra questi la prima conoscenza online è l’inizio più diffuso della relazione: 23%, contro il 20% di chi si è conosciuto al lavoro, il 19% tramite amici in comune e il 17% al bar o in un pub. Circa un terzo delle relazioni nate grazie al web ha avuto inizio tra il 2015 e il 2019.

    Questi dati dimostrano la perdita di attrattiva dei luoghi di aggregazione e di quel pizzico di romanticismo e poesia. “Sistema di compatibilità scientificamente provato” è lo slogan del sito di incontri che ha condotto lo studio: “fatti da parte, fede. È tempo che la scienza provi ad amare”.

    Di contro, sul sito ufficiale della Polizia di Stato troviamo una serie di consigli e precauzioni per gli incontri online. Partendo dalla premessa che in chat si incontrano persone di tutti i tipi e che spesso la diffidenza online tende ad essere minore rispetto alla vita reale.