fbpx

    Pitti Uomo, un’edizione eco-sostenibile

    Fotografia: A Pitti Uomo abbigliamento 'green' (Shutterstock)

    Una delle parole d’ordine nella moda, dalla creazione di abiti ai saldi, è ‘green’. L’innovazione tecnologica applicata all’eco-sostenibilità ha portato molte maison a puntare su tessuti green e cruelty free, molti dei quali sviluppati dalla pratica del riciclo, senza perdere d’occhio l’estetica, lo stile e l’indossabilità.

    Pitti Uomo (da domani all’11 gennaio a Firenze) saranno diversi i brand che porteranno linee green. La Tretorn, insieme al finlandese Makia, lancerà a Pitti Uomo una collezione sailing ispirata ad Åland. L’ottica della Peace Islands Collection è iper sostenibile (gli impermeabili sono in poliestere riciclato): parte della vendita andrà alla fondazione John Nurminens per un Mar Baltico pulito.

    RÆBURN ha fondato  il suo marchio basandosi su un design sostenibile e intelligente: l’etica Remade è stata pioniera nella rielaborazione di tessuti e capi per creare pezzi distintivi e funzionali.

    Azienda pioniera del fashion sostenibile, Ecoalf punta su innovazione e tecnologia, sostenibilità e design: reti da pesca scartate, bottiglie di plastica post-consumo, pneumatici usurati, cotone post-industriale e persino fondi di caffè diventano capispalla, costumi da bagno, sneakers e accessori.

    Una linea tecnica ed ecosostenibile quella del brand Esemplare: termonastrature, tessuti catarifrangenti con fibre di vetro e tagli laser. Il tema dell’ecosostenibilità è inserito nei materiali esterni ma anche all’interno: focus sull’innovativa piuma sintetica Ecodown Fibers 100%riciclata da bottiglie di plastica che, insieme alla lana riciclata e alla pelliccia ecologica, permette di raggiungere alti livelli di termicità.

    Save the Duck celebra l’impresa dello scalatore vegano Kuntal A.Joisher: la conquista degli 8.516 metri d’altitudine, raggiunti con una tuta del brand.

    Nous Etudions non è solo un marchio di moda, ma una decisa affermazione delle nuove generazioni: sostenibilità, sensibilità no gender e vegana sono parte del messaggio che Romina Cardillo comunica in ogni prodotto.

    Yatay, premium brand di calzature avantgarde, ma soprattutto ecosostenibili, unisce lusso e qualità nel rispetto dell’ambiente: le sneakers sono interamente realizzate attraverso materiali eco-friendly e presentate in box create attraverso il riciclo di bottiglie di plastica.

    La Collezione 03 di Aeance, progettata in collaborazione con l’industrial designer Konstantin Grcic, si basa su un’eco-sostenibilità all’avanguardia: per il 96% i tessuti sono riciclati, naturali, biodegradabili o a base biologica.

    Acclamato come la prossima icona per gli archivi Clarks, il mocassino da sport ibrido Seven 14 promuove il viaggio responsabile del brand nella produzione di scarpe 3.0: il design studiato riduce al minimo gli sprechi e l’uso di colla con una tomaia morbida e flessibile composta da sette pezzi, suola in gomma riciclata e intersuola in sughero naturale.

    Stile sofisticato e cuore sostenibile per Riz, il brand britannico di swimwear al maschile i cui shorts sono prodotti in serie esclusive con print unici e realizzati con bottiglie di plastica riciclata.