Pagelle utenti ai media, Facebook lancia test in Italia

Fotografia: (foto Shutterstock)

 

Il test online è già partito in America, ora Facebook chiede anche agli utenti italiani di valutare le testate giornalistiche. “Bene se in chiave anti fake news”, commenta la Fnsi. 

Anche in Italia arriva l’esperimento di Facebook che consente agli utenti di valutare l’affidabilità delle testate giornalistiche. Lanciato da Mark Zuckerberg negli Stati Uniti a gennaio, il sondaggio sarà disponibile per gli oltre 30 milioni di iscritti nel nostro paese ma anche per Regno Unito, Germania, Francia Spagna, Brasile, India e Indonesia. Si tratta di una fetta consistente dei due miliardi di utenti che il social network conta nel mondo.

Un’iniziativa che “fa parte dello sforzo continuo per assicurarsi che le notizie su Facebook siano di alta qualità”, spiega la piattaforma. Puntuale arriva il commento del sindacato dei giornalisti, la Fnsi, che attraverso il suo segretario, Raffaele Lorusso, fa sapere: “bene il test se in chiave anti fake news”.

Nelle prossime ore gli utenti italiani del social network vedranno comparire il sondaggio, composto da due domande: “Conosci questo sito? e quanto lo ritieni affidabile?”. Si tratta in sostanza di raccogliere pareri sul livello di fiducia delle diverse fonti di informazione, una sorta di analisi preliminare che non è detto verrà usata da Facebook per cambiare l’algoritmo o la visibilità delle notizie. Esattamente come sta avvenendo negli Usa, dove il test è ancora in corso. “Utilizzeremo la stessa metodologia che stiamo usando negli Stati Uniti per determinare se questo sistema ci aiuterà ad individuare quali sono le fonti considerate ampiamente attendibili dalla community in Italia”, sottolinea la società. “I risultati del sondaggio non stanno ancora influenzando il ranking o la composizione del News Feed in Italia e, qualora decidessimo di introdurre cambiamenti sulla base dei risultati di questo sondaggio sulla community, lo annunceremo pubblicamente”. In pratica, il test è focalizzato sul dare maggiore visibilità alle notizie provenienti da fonti attendibili, ritenute affidabili da una molteplicità di persone nella community, anche da coloro che non le seguono direttamente.

 

 

Potrebbe piacerti anche

La UE indaga sulla fusione Apple-Shazam

Questa acquisizione non s’ha da fare. La Ue sta indagando sulla acquisizione di Shazam ....

iMac, 20 anni fa nasceva il mito

Semplicità d’uso, eleganza, attenzione per la bellezza e funzionalità, coniugate in un personal computer, ....

Assistenti integrati minacciati da messaggi ‘silenziosi’

Messaggi subliminali, inni al demonio ascoltabili riproducendo al contrario i dischi di alcuni gruppi ....