fbpx

    Oms: 3 milioni di morti per abuso di alcol

    Fotografia: Un controllo con l'etilometro (Shutterstock)

    L’alcol può essere un piacere, consumato nei modi e nelle giuste maniere, ma il suo abuso continua a provocare morti. Secondo l’Oms, nel 2016, 3 milioni di persone nel mondo – 1 mln solo in Europa – sono decedute per un consumo eccessivo di alcol: il 42% di tutte le morti per traffico e il 23% di tutti i morti per infortunio sono stati causati all’alcol.

    Consistente anche il numero di vittime giovani: il 20% delle morti – tra i 15 e 19 anni – è risultato legato al consumo di bevande alcoliche. In Italia, aggiunge Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio nazionale alcol dell’Istituto superiore di sanità (Iss), si stima che vi siano circa 700 mila consumatori dannosi, ma solo 72 mila alcoldipendenti sono in carico ai servizi.Ciò mostra l’enorme lacuna da colmare di persone malate in necessità di trattamento – sottolinea – e attualmente, per oltre il 90%, mai intercettate dal Servizio sanitario nazionale (Ssn)“. Scafato evidenzia anche la “scarsa risposta di salute pubblica agli episodi d’intossicazione che trovano la loro origine nella disapplicazione delle norme e nella normalizzazione sociale del bere“, e che la riduzione entro il 2030 di un terzo delle morti premature è ben lontana dal potersi considerare raggiungibile.

    Nei consumatori di alcol il consumo medio pro capite è arrivato a 16,5 litri di alcol puro l’anno contro i 7 litri (sostanzialmente stabili da anni anziché decrescenti come atteso) pro capite nella popolazione generale.