Oggi è la Giornata mondiale delle emoji

    Fotografia: Il 17 luglio si festeggiano le emoji (SHUTTERSTOCK)

    L’uso delle chat si è così diffuso che le emoji sono diventate parte integrante della comunicazione, tanto che qualcuno, scherzando, dice che la comunicazione sta tornando ai tempi dei geroglifici.

    L’attenzione a questo prodotto è tale che le iconcine sono diventate politicamente corrette per non disturbare nessuno, escludendo armi da fuoco e introducendo piatti vegani.

    C’è una emoji per tutto, insomma, e a cadenza regolare ne sono disponibili sempre di più e delle più disparate a testimonianza di quanto sia diventato un’abitudine consolidata comunicare con le faccine. Tanto che le emoticon hanno una loro Giornata Mondiale che ogni anno si celebra il 17 luglio.

    Il termine emoji deriva dal giapponese e vuol dire pittrogramma, cioè un disegno o un simbolo in uno o più colori immediatamente riconoscibile. La prima faccina è stata creata tra il 1998 e il 1999 da Shigetaka Kurita, che lavorava per dispositivi mobili della società di telecomunicazioni NTT DoCoMo. Poi sono arrivate in Occidente e sono state inserite nel sistema di codifica Unicode. Ad oggi ne sono disponibili oltre 2.800 e non c’è tastiera o computer o sistema operativo, da iOS di Apple ad Android di Google, che non abbia le proprie emoji. Addirittura la faccina che ride a crepapelle è stata eletta parola dell’anno 2015 dai dizionari Oxford.

    A confermarne la popolarità è Facebook. Di tutte le emoji esistenti nel mondo quasi 2300 sono usate sul social network, più di 700 milioni sono utilizzate nei post ogni giorno, il cuore è stato scelto il doppio delle volte rispetto all’anno scorso. Su Messenger, la chat di Facebook, oltre 900 milioni di emoji vengono inviate ogni giorno senza testo. In tutto il mondo, Capodanno è il giorno in cui vengono utilizzate più emoji su Messenger.

    Di recente il consorzio Unicode, preposto all’approvazione, ne ha riconosciute 157 nuove che a valanga stanno per arrivare su chat e tastiere degli smartphone. Fanno il loro ingresso le emoji con le persone ricciolute, maschere da supereroi, l’aragosta, la zanzara e persino il microbo. In cucina le new entry sono il mango, la foglia d’insalata, bagel e cupcake. Non mancano la cassetta del pronto soccorso e anche la carta igienica.

     

    Potrebbe piacerti anche

    Whatsapp, upgrade contro fake news e spam

    Messaggi DOC anzi DOCG. E’ quello che potrebbe accadere a breve in casa Whatsapp ....

    Dieci anni di App Store Apple

    In pochi ricorderanno i primi smartphone e i primi store online dove la scelta ....

    Le notifiche dello smartphone danno dipendenza

    Arrivano con vibrazioni, trilli e suonerie. Sono le notifiche dello smartphone che ci annunciano ....