fbpx

    NoÁr, il rapper ungherese sulla scia di Greta Thunberg

    Fotografia: Ansa Foto
    Attivista contro i cambiamenti climatici, i suoi testi sono una denuncia verso gli interessi economici dell’uomo a spese dell’ambiente

     

    Aron Molnar, in arte NoÁr, rapper, attore e influencer ungherese, è diventato famoso per il suo attivismo climatico – in difesa del nostro Pianeta.

    In un momento come questo, in cui inquinamento e cambiamento climatico sono finalmente diventate delle emergenze worldwide – come dimostrano le manifestazioni Fridays for Future, capitanate dall’attivista Greta ThunbergNoÁr fa del rap lo strumento per richiamare l’attenzione di persone di ogni età sull’emergenza climatica e la salvaguardia del Pianeta.

    La sua nuova canzone, Levegőt– dove cita Greta Thunberg “chiedi a Greta perché non siamo nelle nostre classi” – esprime la rabbia e lo sdegno di giovani studenti e non che riempiono le strade e le piazze, durante i Fridays for Future, manifestando per la difesa dell’ambiente e lanciando un messaggio ai “Potenti del mondo” che si riuniranno dal 2 al 13 dicembre alla COP25 di Madrid.

    «Ho partecipato al secondo sciopero climatico globale e ho conosciuto questi giovani dei “Fridays for Future”. Sono molto simpatici e mi hanno dato la soluzione in mano. Mi hanno spiegato cosa e come si può fare per salvare l’ambiente. Così, mentre ero seduto per strada, io, uomo di 30 anni, mi sono alzato e mi sono chiesto, perché non faccio qualcosa anch’io?».

    Dopo l’incontro illuminante con i ragazzi, NoÁr ha letto articoli e fatto ricerche sui cambiamenti climatici. Poi ha parlato con esperti, confrontando le loro parole che sono diventate d’ispirazione per i suoi testi. Il video di Levegőt ha come protagonisti ragazzi e molti bambini che, secondo il rapper, hanno in mano il futuro del nostro Pianeta, da salvaguardare. Durante le riprese del videoclip, l’artista ha organizzato un evento di raccolta rifiuti, ripulendo, insieme ai suoi fan, una foresta appena fuori Budapest.

    «È stato molto importante per noi spiegare ai bambini che cantano nel video di che cosa parla il testo della canzone. Ci siamo seduti e abbiamo analizzato le parole. Ho notato che non appena sono stati coinvolti nella storia, è diventato tutto importante anche per loro», racconta NoÁr. «I politici devono camminare ad occhi aperti. Abbiamo bisogno di una massa critica che costringa a trovare la soluzione. La mia responsabilità è mettere in luce questo problema. Per ottenere il massimo di attenzione possibile, perché da quel momento i Grandi della Terra non possono più nascondersi», ha concluso.

    Di seguito il videoclip ufficiale: