fbpx

    Nina Zilli ci porta nella sua Dream City

     

    Artista poliedrica con ben quattro Festival di Sanremo alle spalle, ha momentaneamente sospeso il suo percorso musicale per uscire con una graphic novel, Dream City, un libro illustrato dove si racconta di ragazze che sono esploratrici coraggiose pronte a partire alla conquista di nuovi territori onirici. Fondata nel 300.000 a.C., è il posto dei sogni della Zilli che oggi conta circa sette miliardi di abitanti e si divide in quattro storiche contrade: Cuore, Cervello, Fegato e Pancia, come gli stati d’animo umani.

    I personaggi che l’hanno ispirata sono i riferimenti musicali di sempre: Jimi Hendrix, Nina Simone, Billie Holiday.Il Sindaco invece non poteva che essere Malcolm X, perché questa città del futuro è multietnica e solidale, il contrario di quello che stiamo vivendo oggi in Italia.

    Ascolta la nostra video intervista.