fbpx

    Nadal per 9 volte Re di Roma

    Fotografia: Ansa - E. Ferrari

    Rafa vince la finale sul Centrale del Foro Italico battendo in tre set Djokovic dopo quasi 2 ore e mezza. Per Nadal è la nona affermazione agli Internazionali d’Italia, Roma Master 1000.

    Rafa Nadal torna al successo agli Internazionali d’Italia, vincendo il suo quinto Masters 1000 della stagione. Sul Centrale del Foro Italico, lo spagnolo n°2 del mondo ha battuto 6-0, 4-6, 6-1 il n°1 del ranking Novak Djokovic, al termine di una finale che tutti avrebbero voluto vedere, una battaglia di due ore e 25′ di gioco. Rafa ha giocato la sua undicesima finale al Foro Italico proprio contro il serbo, l’unico ad averlo sconfitto nelle sole due finali che non è riuscito ad aggiudicarsi qui a Roma. Lo spagnolo, che in questo 2019 era stato eliminato in semifinale a Indian Wells, Montecarlo, Barcellona e Madrid, conquista il primo successo stagionale, interrompendo il digiuno iniziato dallo scorso agosto, quando si impose nel Masters del Canada. Rafa arriva a quota 81 trofei e 34 Masters 1000 in carriera, lasciando a 33 proprio Djokovic.

    Djokovic poco lucido, a Nadal il 54mo duello

    Djokovic ha giocato a sprazzi, pagando con 39 errori non forzati il tour de force (anche notturno), dei due match tirati con Del Potro e Schwartzman. Subisce il bagel al primo set senza mai riuscire ad entrare in partita e accusando il diritto di Nadal, oggi arma in più dello spagnolo. Si aggrappa al servizio e riesce a raddrizzare il match nel secondo parziale, ma si è poi arreso nel terzo set, dove concede 6 break all’avversario. Veramente troppi quando hai di fronte Nadal che alla fine del match fa registrare 92-70 nel conto totale dei punti. Il 54mo confronto tra i due (28-26 per Nole dati aggiornati), il quinto in finale a Roma, è per Nadal, dopo 14 anni dal primo trionfo, la conferma alla carica di re di Roma.

    Nadal: “Roma, è la città più bella del mondo”

    Rafa Nadal è felice, sollevato, il trionfo del Foro Italico, primo giocatore in questo 2019 a bissare un successo di dodici mesi prima, lo ha come caricato per il continuo della stagione. Quando prende il microfono si rivolge subito all’avversario e alla città eterna: “Un applauso a Djokovic, che ha fatto un grande torneo e credo che ci troveremo di nuovo a Parigi, oggi è stata una partita molto difficile. Roma è un torneo speciale e una città speciale, la più bella del mondo. E’ un onore giocare qui. Ricordo la prima volta che ho giocato a Roma nel 2005 ed essere ancora qui con la coppa è qualcosa di speciale. Ringrazio il pubblico, che è stato fantastico per tutta la settimana e mi ha aiutato tanto. Non è stata una settimana facile per me, devo ringraziare anche il mio team che mi è stato vicino”.