fbpx

    Mogol in giro per l’Italia per far rivivere “Emozioni”

    Fotografia: Ansa
    Mogol e Battisti
    Mogol e il giovane cantautore Gianmarco Carroccia insieme per un grande viaggio tra le canzoni di Battisti

    Mogol celebra il suo amico e collega Lucio Battisti, scomparso il 9 settembre del 1998, con spettacoli imperdibili. Mercoledì 3 luglio ad Asti, si terrà la manifestazione “Monferrato On Stage“, alle ore 18 la Biblioteca Astense ospiterà il convegno “L’Unesco per noi del Monferrato” alla presenza di Mogol, il quale tornerà protagonista alle ore 21.30 in piazza Cattedrale per l’appuntamento “Mogol, l’Unesco e il Monferrato”, spettacolo preceduto da una degustazione enogastronomica alle ore 19.30. A Ostia Antica Festival, sabato 13 luglio, nello splendido Teatro romano, Mogol sarà presente con lo spettacolo “Emozioni. Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti”.

    Ad accompagnare Mogol, Gianmarco Carroccia, cantautore 31enne, al quale verrà affidata l’interpretazione dei brani, scelto per le sue doti canore e per la somiglianza con Battisti. ”Questo ragazzo è davvero molto bravo- afferma Mogol-  E’ il sosia perfetto di Battisti, sia nel fisico che nella voce, nelle intenzioni, senza bisogno di alcun artificio o trucco. La prima volta che l’ho visto sul palco, mi ha colpito per come la gente lo segue. È straordinario come sia stato il pubblico ad accorgersi per primo di lui, senza grandi promozioni o pubblicità. È bravo anche a scrivere canzoni”. Dal loro incontro è nato lo spettacolo con cui i due stanno girando l’Italia.

    Tanta musica, ma anche grandi storie e aneddoti per conoscere meglio le figure e e le avventure di Mogol e Battisti, per uno spettacolo sempre sold out.

    Lo spettacolo potrebbe forse arrivare anche in tv. ”C’è interesse. Non è escluso – ammette Mogol – Intanto l’idea per i prossimi mesi è di inserire in scaletta una canzone di grande successo di Battisti e una meno conosciuta o inedita, di altri autori, come Gianni Bella o lo stesso Carroccia. Ma l’Italia è piena di giovani talenti”, conclude Repetti, da anni guida della scuola di musica del CET, il Centro Europeo Toscolano.
    ”Proprio per questi ragazzi – dice – stiamo pensando un programma che dovrebbe andare in onda a maggio del prossimo anno su Rai1 dal titolo l’Università del pop, in cui presenteremo le canzoni più belle scritte in questi anni dagli allievi”.