fbpx

    Lo studio: ideale svegliarsi presto

     

    Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Chronobiology International – coinvolte 433.268 persone, tra i 38 e i 73 anni –  chi inizia la giornata svegliandosi presto, vive più a lungo e si ammala meno di chi fa una vita notturna. Il campione esaminato è stato diviso in 4 categorie, in base alle abitudini degli intervistati:i supermattinieri (a letto presto e sveglia all’alba), i mezzi-mattinieri (si svegliano preso ma non troppo), i mezzi-nottambuli, che preferiscono tendenzialmente le ore notturne per lavorare o per uscire, e i ‘super-nottambuli’ che vanno a dormire la mattina. Dopo 6 anni di studi, i ricercatori statunitensi hanno calcolato che i “gufi” hanno mediamente: il 10% in più di rischio di morte per qualsivoglia causa rispetto alle ‘allodole’; il 30% in più di rischio di soffrire di diabete; il 23% di rischio in più di soffrire di malattie respiratorie; il 22% in più di lamentare disturbi gastrointestinali. La causa di queste associazioni non è chiara ma il consiglio ai nottambuli è chiaro: adottare una vita meno estrema e possibilmente diurna.

    • Mostra Commenti

    L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

    Commento *

    • name *

    • email *

    • website *

    Potrebbe piacerti anche

    Stravizi di Natale: la sindrome del piatto vuoto

    I pasti andrebbero consumati piano, masticando lentamente, per evitare l’impressione del piatto ‘vuoto’ e ....

    Una tazza di tè al giorno amica del cuore ma con riserva

    Ci sono qualità di tè come quello verde le cui qualità sono universalmente riconosciute ....

    Malattie: arriva il medico della complessità

    Per un medico fare una diagnosi non è sempre semplice, sia per la mancanza ....