fbpx

    L’emozionante “bacio” tra stalattite e stalagmite

    Fotografia: Official Site Grotte di Pertosa
    Un incontro atteso da ventimila anni nel ventre delle spettacolari Grotte di Pertosa, in Campania

    Nulla è statico in natura. Ne è una prova l’incontro tra due anime rocciose, nel geosito di Pertosa-Auletta, in Campania.

    Si chiama “L’Unione“, l’emozionante “bacio” tra una stalattite e una stalagmite che stanno per congiungersi. Le concrezioni andranno a formare un unico corpo, che prenderà il nome di “colonna“.  «Si stima che da circa ventimila anni queste concrezioni crescano lentamente cercando di toccarsi», spiega Francescantonio D’Orilia, presidente della Fondazione MIdA.

    Situate nel massiccio dei Monti Alburni – tra i comuni di Pertosa, Auletta e Pollale Grotte di Pertosa-Auletta sono uno dei geositi focali del Geoparco Cilento. L’intero complesso si sviluppa a 263 metri sotto il livello del mare e segue la riva sinistra del fiume Tanagro.

    Le Grotte presentano due unicità: sono le uniche in Italia dove è possibile navigare un fiume sotterraneo, il Negro; son le sole in Europa a conservare i resti di un villaggio palafitticolo risalente al II millennio a.C.

    Come è avvenuta l’unione?

    Le STALATTITI (dal greco stalaktites, «gocciolane») e le STALAGMITI (dal greco stalagma, «goccia) sono formazioni minerali prodotte dall’accumularsi nel tempo del carbonato di calcio depositato dalle acque sotterranee. Le prime si formano dal «soffitto» e si estendono verso il basso. Le seconde seguono il percorso inverso: risalgono dal pavimento di una grotta soggetta a fenomeni di carsismo, prodotta dal gocciolamento di acqua che deposita strati successivi di minerali. La formazione delle grandi stalattiti richiede tempi lunghissimi, anche di migliaia di anni.

    La stalattite ha generalmente una forma cilindrica o di cono allungato. Tuttavia, quando la grotta è attraversata da correnti d’aria, può deviare dal suo asse verticale e assumere forme bizzarre. Quando una stalattite si congiunge a una stalagmite si ha la formazione di una colonna.