fbpx

    Le Vibrazioni accendono Roma, uno show intenso per “pochi”

    Fotografia: Raffaele Marino
    Le Vibrazioni riescono ad accendere la notte della Cavea Auditorium Parco della Musica di Roma, ieri sera, domenica 12 luglio 2020, Francesco Sarcina e compagni sono riusciti ad annullare l’effetto Covid che aleggia nelle esibizioni live di questo periodo storico e a trascinare il pubblico con la loro musica.

    Il coronavirus ci sta portando via tante emozioni che solo le serate estive riescono a darci, tra queste, la possibilità di assistere ad un concerto fianco a fianco con gli amici e cantare a squarciagola le canzoni che ci emozionano. Nonostante tutto, ieri sera, Le Vibrazioni, alla loro prima apparizione live dopo il Festival di Sanremo, sono riuscite a coinvolgere un pubblico distanziato (e per questo anche notevolmente disorientato), sprigionando energia ad ogni brano.

    Francesco Sarcina - Raffaele Marino

    L’esibizione di Sarcina e compagni avrebbe meritato un pubblico più vasto e con la possibilità di respirare insieme ogni emozione che la band è riuscita a trasmettere. Il concerto è iniziato sulle note di “Per fare l’amore”, il nuovo singolo scritto da Francesco Sarcina durante il lockdown, insieme a Roberto Casalino e Davide Simonetta, e si capisce subito che il brano è seriamente candidato a diventare un hit estiva.

    A seguire il brano “Dov’è” presentato all’ultimo Festival di Sanremo, e tutti i successi recenti e passati, da “Così sbagliato” a “In una notte d’estate”, passando per “Vieni da me”, “Ovunque andrò” e “Dedicato a te”, la hit che hanno segnato i venti anni della carriera del gruppo. Il finale ha visto i quattro musicisti impegnati in singole performance con il chitarrista, Stefano Verderi, che ha omaggiato il maestro Ennio Morricone.

    Alla fine, Sarcina e compagni non hanno resistito e, nonostante le restrizioni, sono venuti a bordo palco per ricevere il calore del pubblico che è stato prontamente disperso per evitare la vicinanza eccessiva. Si, ci vuole pazienza, e una nuova occasione per rivedere Le Vibrazioni senza Covid, una nuova data che possa rendere giustizia all’intensità della loro musica.

    Galleria fotografica