Le ossessioni degli italiani al ristorante

    Fotografia: Agli italiani piace il ristorante ma...(ANSA)

    Se prima gli italiani erano un popolo di commissari tecnici, oggi sono tutti chef ed esperti di gastronomia. Complici i talent show culinari e il bombardamento di notizie su ricette e prodotti alimentari, spesso si sente discutere di apporto acido, sensazioni gustative, croccantezza di un cibo e dei ristoranti migliori da provare.

    Al ristorante, però, gli italiani si rivelano ‘maniaci’ in un altro senso. Il 94% di chi va a pranzo o a cena fuori ammette di avere qualche fissazione o pallino. E’ quanto emerge da un sondaggio Doxa condotto per Groupon, società di offerte e buoni sconti utilizzabili presso diverse aziende. Dall’inchiesta, condotta attraverso oltre 2.000 interviste, risulta che il 58% delle persone si innervosisce per il rumore, mentre si dedica particolare attenzione al tavolo dove ci si siede, con una particolare predilezione per il centro della sala: bocciato dal 47% un posto vicino alla toilette, dal 35% quello vicino alla porta di ingresso mentre il 40% non intende mangiare seduto sullo sgabellone, come di solito accade al bancone di alcuni ristoranti. C’è anche chi (il 2%), in ossequio a vecchie superstizioni, non vuole il posto all’angolo per paura di non sposarsi.

    Fra le piccole manie, anche il controllare le mani del cameriere e l’imbarazzo nel mangiare da soli. In media, gli italiani escono a pranzo e/o a cena circa 6 volte al mese, con solo il 16% che esce una sola volta. Fra i motivi che spingono verso il ristorante, la voglia di stare bene con se stessi e staccare la spina (oltre uno su due), seguito dal desiderio di socialità e relazione e quindi per la passione di sperimentare nuovi cibi. E nonostante crescano nuovi servizi per la consegna a domicilio, pare che solo un italiano su 10 preferisca mangiare a casa propria che al ristorante, forse per la voglia appunto di provare piatti rivisitati o innovativi, ‘chiesti’ allo chef da oltre 6 italiani su 10. Solo il 3% degli intervistati dice di non essere incuriosito e di non aver intenzione di deviare dalla tradizione. Il mondo della tecnologia fa il suo ingresso anche nella ristorazione: dalla possibilità di prenotare con il cellulare anche la posizione del tavolo al pagare direttamente via telefonino, da tavoli ‘smart-touch al menu personalizzabile al momento

    Potrebbe piacerti anche

    Fabrizia Meroi, chef donna 2018 Michelin

    Fabrizia Meroi ha ricevuto da Michelin il premio Chef Donna 2018, riconoscimento attribuito nell’ambito ....

    Bowerman e Ferroni: l’universo spiegato in cucina

    Fisica, alta cucina e ironia sono gli ingredienti dello showcooking ‘Il gusto dell’Universo. Storia ....

    Vegetariani/vegan: richieste etichette ad hoc

    Allergie gravi o lievi intolleranze, la vita di chi ha problemi alimentari era complicata ....