fbpx

    Le noci potrebbero dimezzare il rischio di diabete

    Fotografia: Noci alleato contro alcune patologie (Shutterstock)

    In Italia vola il mercato della frutta a guscio, alimento considerato non più nemico delle linea ma cibo ricco di sostanze benefiche. Le ricerche di settore su questo prodotto si stanno moltiplicando e sembra che tre cucchiai di noci al giorno possano dimezzare il rischio di diabete.

    A supportare le ipotesi delle proprietà benefiche della frutta secca in guscio è un ampio studio pubblicato su Diabetes/Metabolism Research and Reviews. Precedenti studi hanno esaminato il ruolo protettivo delle noci rispetto a salute cardiovascolare, demenza e diabete.

    In questo caso, ricercatori dell’Università della California, Los Angeles, hanno esaminato i dati relativi a 34.121 adulti statunitensi di età compresa tra 18 e 85 anni, a cui è stato chiesto di riferire sulla loro dieta e di cui sono stati misurati glicemia ed emoglobina glicata. L’assunzione media tra i consumatori di noci era di circa 1,5 cucchiai al giorno. In coloro che riferivano un consumo raddoppiato di noci (3 cucchiai) c’era una prevalenza inferiore del 47% del diabete di tipo 2, indipendentemente da età, sesso, razza, educazione, grasso corporeo e attività fisica.

    E’ noto – spiega Giorgio Sesti, past president della Società Italiana di Diabetologia (Sid)che gli acidi grassi polinsaturi n-3 a media catena contenuti nelle noci hanno benefici effetti su persone con problemi metabolici, per questo sono spesso consigliate a chi soffre di diabete“. Il meccanismo con cui questi acidi grassi polinsaturi possano esercitare il loro effetto benefico è ancora non del tutto noto. “Studi in vitro ed esperimenti su modelli animali – prosegue – suggeriscono che potrebbero agire direttamente sui tessuti insulino-sensibili: hanno infatti dimostrato di riuscire a sopprimere l’espressione di enzimi che stimolano la formazione di lipidi, e a potenziare il metabolismo del glucosio ovvero il suo fisiologico smaltimento per produrre energia. Un altro possibile meccanismo sembra essere legato alla minore capacità degli acidi grassi polinsaturi a indurre steatosi epatica che è un fattore di rischio per il diabete“.

     

    Potrebbe piacerti anche

    Vita frenetica: italiani troppo veloci nei pasti

    Gli italiani a tavola? Mangiano veloci come il supereroe Flash. Un sano stile di ....

    Narcolessia, ecco come riconoscerla

    In Italia 25mila persone soffrono di narcolessia, una malattia autoimmune che provoca attacchi di ....

    Abbigliamento nero per far colpo al primo incontro

    Rosso e nero. Colori che hanno ispirato o dato il nome a film, libri, ....