Le cinque regole della vacanza ideale

    Fotografia: Le 5 regole della vacanza ideale (Shutterstock)

    La meta estiva preferita dai vacanzieri è il mare. La villeggiatura sulla spiaggia è davvero rilassante o ci sono controindicazioni?

    Il riposo dai lunghi mesi invernali in riva al mare potrebbe sembrare la soluzione ideale ma, secondo Xinran Lehto, un’esperta di turismo e benessere della Purdue University, esisterebbe una ‘ricetta’ ideale per una vacanza rigenerante.

    Cinque gli ingredienti fondamentali: variazione, fascino, compatibilità, allontanamento e orientamento.

    1. Variazione – Stare solo in spiaggia per molti giorni non è il modo migliore per ricaricarsi” evidenzia Lehto. “Dopo un po’ ci si annoia e ci si sente ansiosi, poi si inizia a pensare al lavoro e alle cose da fare. Invece, il luogo scelto dovrebbe avere abbastanza variazioni di interesse e attività in cui essere coinvolti“.

    2. Fascino – Una persona molto stanca dovrebbe andare in un posto che fornisce fascino invece di uno che è già scolpito nella mente” sottolinea l’esperta. “Una volta attratti da una scena particolare, mettiamo a riposo ciò che chiamiamo attenzione diretta – il tipo di energia mentale focalizzata di cui abbiamo bisogno su base giornaliera – e attiviamo l’attenzione indiretta. E’ importante che una destinazione di viaggio fornisca ambienti e attività che possano stimolare l’immaginazione e la curiosità senza che si debba esercitare l’energia mentale associata alla vita quotidiana“.

    3. Compatibilità –  “Sarebbe ottimale – rileva Lehto – andare in un posto in cui ci si sente a proprio agio e con cui si è compatibili. Deve esserci anche compatibilità tra il luogo stesso e i suoi elementi. Per esempio, un resort dovrebbe essere compatibile con l’ambiente naturale e quello culturale“.

    4. Allontamento – Secondo l’esperta ci si deve sentire fisicamente e mentalmente lontani dalla “quotidianità”. Si dovrebbe andare in un posto in cui si percepisce che l’odore è unico, il paesaggio è interessante, i suoni pure. L’ideale è scegliere luoghi che creano un contrasto anche fisico con la la routine.

    5. Orientamento – Segnaletica e tutto ciò che aiuta ad orientarsi è importante per sentirsi a proprio agio.

    Tentar non nuoce.

    Potrebbe piacerti anche

    ‘Roberto Bolle and Friends’ celebra il teatro Galli

    “Roberto Bolle and Friends” è il Gala che il famoso etoile porta in giro ....

    Rome Art Week 2018, visite e mostre gratutite

    Fino sabato 27 ottobre, la città eterna ospiterà  la Rome Art Week 2018, che ....

    Turismo: stranieri compreranno 70mln di bottiglie di vino italiano

    Anche quest’anno si stima che 62 milioni di turisti stranieri invaderanno il nostro Paese, ....