La tuta nera di Serena Williams protagonista al Roland Garros

    Fotografia: Shutterstock

    Serena Williams, al suo primo set dopo la maternità, indossa una tuta speciale per aiutare la circolazione del sangue e diventa paladina delle neo-mamme: “se posso farlo io, potete farlo anche voi”, twitta la “black panther”. 

    “Qualcuno vuole mettersi una tuta attillata? Per tutte le donne che hanno avuto un difficile post-parto, eccola qui. Se posso farlo io, potete farlo anche voi. Vi amo tutte!!!”. E’ il messaggio twittato con orgoglio dalla campionessa Serena Williams, 36 anni, dopo la partita d’esordio al Roland Garros dove ha giocato indossando una tuta intera dal tessuto speciale firmata Nike, studiata per aiutare la circolazione del sangue dopo i gravi problemi avuti dopo il parto.

    E’ stata una gravidanza difficile quella di Serena, che ha quasi rischiato la morte per dare alla luce la sua Alexis Olympia e che, vestita da Cat woman al termine della partita, ha raccontato di sentirsi “con questi panni come una guerriera, magari una regina di Wakanda”. Cioè il mondo dei fumetti lanciato dalla Marvel coi Fantastici Quattro. “Ho sempre voluto essere un super-eroe, e questo è un po’ un sistema per diventarlo”, ha detto la campionessa mondiale di tennis.  “Ho avuto un po’ di problemi con il ciclo di noi donne, non so quante volte mi è venuto negli ultimi dodici mesi, e questo abbigliamento, oltre ad essere divertente, è funzionale anche per quello. Così sono in grado di giocare senza problemi”. Un bel messaggio di solidarietà e speranza che sta facendo il giro del mondo. 

    Potrebbe piacerti anche

    Precipitato elicottero presidente Leicester

    L’elicottero del presidente del Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, decollato dal King Power Stadium circa 30 ....

    Ryder Cup: Molinari incontenibile, Europa a +4.

    Alla Ryder Cup, l’Europa ha ingranato la quinta e Francesco Molinari si è confermato ....

    Emozione Valverde: campione del mondo a 38 anni

    Alejandro Valverde Belmonte è il nuovo campione del mondo di ciclismo su strada. Dopo ....