La Toyota Mirai punta al mercato italiano

    Fotografia: La Toyota Mirai a Torino

    La Sindaca di Torino, Chiara Appendino ha provato la Toyota Mirai –  in italiano significa “futuro” –  la prima berlina di serie alimentata a idrogeno, equipaggiata con celle a combustibile. Il test drive della vettura è avvenuto alla presenza di Mauro Caruccio, Amministratore delegato di Toyota Motor Italia.

    Mirai è la prima berlina di serie alimentata a idrogeno, con la quale il Gruppo Toyota ha raggiunto alti livelli di innovazione tecnologica per proporre un nuovo concetto di mobilità sostenibile, fondato sulla diffusione di questa risorsa energetica alternativa. L’idrogeno si afferma quale elemento principale per la mobilità e per la creazione di un futuro, globale, realmente eco-sostenibile. Mirai è già commercializzata in Gran Bretagna, Francia, Norvegia, Svezia, Belgio e Germania. Proprio in Germania, il governo ha previsto un piano per la costruzione di 100 stazioni di rifornimento di idrogeno entro il 2018, e di 400 entro il 2023.

    Toyota Motor Italia sta lavorando attivamente per diffondere l’uso dell’idrogeno su larga scala e per portare Mirai anche nel nostro Paese, perché ritiene che rappresenti, al momento, la migliore soluzione per una mobilità ad emissioni zero.

    Il lavoro svolto da Toyota, nel corso di ultimi anni, insieme alle Amministrazioni locali e alle Istituzioni centrali – ha dichiarato Mauro Caruccioha prodotto importanti risultati, che a breve potrebbero tradursi anche in Italia, come già in altri Paesi del mondo, in progressi concreti sulla strada della mobilità a zero emissioni. Un numero crescente di Amministrazioni locali manifestano un grande interesse per queste tematiche e vogliamo ringraziarle per la disponibilità e l’attenzione riservata alle tecnologie proposte da Toyota, per favorire lo sviluppo di una mobilità a basso impatto ambientale. Oggi, esprimiamo la nostra gratitudine alla Sindaca di Torino per aver ascoltato e condiviso la nostra visione del futuro della mobilità, nella quale l’idrogeno gioca un ruolo di primaria importanza. L’adozione di una prospettiva politica chiara e lungimirante, è fondamentale per non perdere l’opportunità di diventare un Paese all’avanguardia nello sviluppo di una tecnologia innovativa capace di sfruttare un elemento naturale tanto diffuso come l’idrogeno. Il Decreto di attuazione della Direttiva DAFI, che ha incluso l’idrogeno tra i combustibili alternativi strategici per il nostro Paese, costituisce un momento cruciale ed evidenzia la visione dell’Italia per il futuro della mobilità: il nostro Paese, ha dato, in questo modo, indicazioni precise, di lungo periodo, sulle politiche che intende attuare per una mobilità a zero emissioni. Auspichiamo di riuscire a portare Mirai in Italia entro l’anno”.

     

    Potrebbe piacerti anche

    Subaru: Ministero dei trasporti giapponese vigilerà

    Non finiscono i guai in casa Subaru. Dopo un nuovo richiamo di veicoli (le ....

    Casiraghi jr tenta record di velocità ‘elettrico’

    Avere sole, vento e idrogeno in una sola imbarcazione, come nel progetto “Energy Observer”, e ....

    Finn: Giovanelli iridato nella categoria Master

    Numeri da record per i Mondiali Finn Master tenuti a El Balis, in Spagna ....