fbpx

    La carta degli imprevisti pescata dalla moda

    Fotografia: Ansa

    Come in una partita del famoso gioco da tavolo Monopoli, non sempre tutto può andare secondo i piani prestabiliti.

    Il mondo della moda è diventato negli anni un immenso affare che smuove dollari (veri), opinion leaders che sono dei veri e propri guru, stilisti sempre più al centro dell’attenzione, influencer perennemente in prima fila a tutte le sfilate, ma soprattutto industrie e lavoratori che corrono tutto l’anno per stare dietro ad un calendario sempre più stretto e denso di continui appuntamenti glamour.

    Come nel gioco, tutti personaggi coinvolti sono alla ricerca del successo e si muovono in circolo inseguendo ognuno i propri obiettivi. Poi, esattamente come succede durante una partita, può capitare qualcosa di totalmente inaspettato che fa letteralmente saltare il banco e costringe tutti i players ad una battuta d’arresto. La pandemia è la carta degli imprevisti, quell’avvenimento che non puoi immaginare, che ti sconvolge a tal punto da farti mettere in discussione tutto il sistema, generando panico e caos, ma anche alcune opportunità.

    Da tre mesi a questa parte, ogni giorno un designer propone la propria visione del futuro della Moda, sposta date di presentazione delle collezioni e si butta su sfilate più o meno virtuali. Ed è tutto un parlare di smart fashion, wearable technology e sostenibilità. Finalmente, da un certo punto di vista. Non aspettavamo altro.

    Intanto però il mondo sta cambiando ad un ritmo forsennato e stiamo passando dal tutti in casa a cantare sui balconi e dalla produzione di mascherine come unica alternativa, al liberi tutti e alle nuove tendenze per i must-have di stagione.

    Ma può il mondo non considerare i veloci mutamenti della società? Gli scontri tra i grattacieli americani, le fabbriche che chiudono e la gente che si ritrova improvvisamente disoccupata a milioni?Se la moda è sempre stata messaggera dei cambiamenti sociali, allora oggi più che mai deve interrogarsi profondamente sul significato di questi cambiamenti, adeguando le proprie proposte ad un mondo vero, fatto di persone con esigenze molto reali. Altrimenti rischia di chiudersi in un altro circuito chiuso di un bel gioco per upper society.