fbpx

    Italiani sedentari, il 51% non pratica sport

    Fotografia: Lo sport? Molti preferiscono vederlo dal divano (Shutterstock)

    La pratica sportiva è un ottimo metodo per tenersi in forma, prevenire alcune patologie e mantenere un corretto stile di vita. Agli italiani, tuttavia, lo sport sembra piaccia più trasmesso in televisione che praticato.

    Secondo dai Ipsos, il 51% degli italiani non fa alcuno sport: la percentuale massima di chi non pratica alcuna attività si raggiunge fra chi ha licenza media o titolo inferiore (61% rispetto alla media del 51%); quella più alta tra chi fa sport più di tre volte a settimana è fra chi ha la laurea (29% rispetto alla media del 23 per cento), a dimostrazione che non è lo sport a distrarre dallo studio, anzi

    Tra chi dichiara di fare movimento, il 26% si dedica allo sport meno di tre volte a settimana.

    Palestra (36%), corsa (27%) e calcio (25%) sono di gran lunga le attività sportive più praticate, davanti a nuoto (14%), ciclismo (11%), tennis (8%) e altri sport.

    Dalla ricerca emerge anche una categoria di lavoratori che ha comportamenti e abitudini poco consigliabili e che corrisponde ai cosiddetti “sedentari volontari”, ovvero coloro che restano seduti anche se fanno pause durante il lavoro. Rappresentano il 22% dei lavoratori intervistati e hanno un profilo che assomma diversi aspetti critici: oltre a non muoversi dalla propria postazione, sono uomini poco attenti all’alimentazione e all’assunzione di acqua nel corso della giornata e sono poco soddisfatti della vita sentimentale. Più spesso si tratta di lavoratori autonomi

    Potrebbe piacerti anche

    Hamburger, il piatto a più alto impatto ambientale

    Spesso si parla di rapporto fra produzione/consumo di carne, deforestazioni e consumo di acqua. ....

    #Trattamibene, iniziativa per i pazienti Hiv

    Oggi, i pazienti con Hiv hanno guadagnato più anni di vita grazie ai progressi ....

    Demenza, test per diagnosticarla in anticipo

    Mentre si moltiplicano le teorie sui motivi dietro il rischio di ammalarsi di Alzheimer ....