fbpx

    Italiani passione bio: aumenta la spesa e orti in casa

     

    Un vecchio adagio recita “poco pagare, poco valere”. Gli italiani quando si tratta di mangiare seguono i detti di una volta e sono disposti a pagare di più per portare a casa prodotti biologici.

    Nel Belpaese, salute e ambiente sono al primo posto per le scelte sulla tavola e c’è addirittura chi ricorre all’orto da casa (o da guerra come si diceva una volta) pur di avere prodotti a km zero.

    Le conclusioni sono dell’istituto triestino Swg, secondo il quale il 16% degli italiani acquista sempre o spesso biologico e il 54% qualche volta. I motivi sono l’attenzione alla salute per 64%, all’ambiente (56%), e il gusto migliore per il 24%. Il 63% degli intervistati, sottolinea l’indagine Swg, è disposto a spendere fino al 10% in più per comprare un prodotto biologico. Inoltre, pur di avere la sicurezza di mangiare veramente bio il 28% degli italiani diventa produttore di un proprio orto sul balcone o il terrazzo di casa mentre il 17% è interessato a entrare a far parte di reti scambio con i prodotti che produce.

    Enzo Risso, direttore scientifico di SWG spiega che “negli ultimi 15 anni il tema dell’ambiente è passato da una ristretta cerchia di élite a essere un valore dell’individuo. E in generale l’80% degli italiani pensa che l’ambiente non è più solo una moda, ma un valore. Questo spiega la crescente attenzione degli italiani al cibo biologico, ma anche ad altri fattori come la mobilità elettrica, al riciclo e più in generale ad evitare gli sprechi“.