fbpx

    A Pechino si celebra l’eccellenza del pianoforte italiano

    Fotografia: (Ansa)

    Apre oggi a Pechino l‘Italian Piano Experience, il festival che celebra le eccellenze del pianoforte italiano nel paese che oggi è il primo mercato mondiale per lo strumento.

    Una mostra di strumenti a tastiera, dai primi esemplari del ‘700 ai capolavori Fazioli di oggi, con recital pianistici con grandi musicisti italiani e tre conferenze di approfondimento, ingredienti principali di queste due settimane ricche di eventi dedicati agli amanti della musica, nel paese che oggi è il primo mercato mondiale per i pianoforti.

    Il festival, che si apre con un concerto di Claudio Brizi dedicato agli antenati del pianoforte, avrà luogo al Millennium Monument Museum di Pechino, nell’ambito del Festival ”Meet in Beijing”, in cui l’Italia è ”Guest Country of Honor”. Il progetto, ideato da Roberto Prosseda, è organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Pechino, con la collaborazione di Cremona musica e Bizzi Clavicembali, per celebrare le origini italiane del pianoforte: uno degli strumenti protagonisti della storia della musica, nato proprio in Italia nel 1699, da un’idea di Bartolomeo Cristofori.

    In Cina un evento del genere non c’era mai stato. Fino al 3 giugno al Millennium Monument Museum di Pechino saranno esposti gli antenati del moderno pianoforte, alcuni dei quali risalenti alla prima metà del diciottesimo secolo, fino ai più moderni Fazioli, marchio fra i più noti a livello mondiale e da sempre protagonista di ”Piano Experience” a Cremona Musica. Un’occasione unica per ripercorrere tre secoli di evoluzione di questo strumento, grazie anche alle spiegazioni di Guido Bizzi e le esibizioni dal vivo del cembalista e organista Claudio Brizi, curatori della mostra, che permetteranno di assaggiare il suono dei diversi pianoforti e dei loro cugini (organo, cembalo, clavicordo, harmonino). Altre occasioni di approfondimento saranno garantite da Nicola Sani, che parlerà del repertorio pianistico italiano contemporaneo, e da Roberto Prosseda, direttore artistico dell’evento, che presenterà l’evoluzione dal Fortepiano del tempo di Mozart al moderno pianoforte a coda.

    La mostra e il festival saranno riproposti anche a Cremona dal 28 al 30 settembre 2018, nell’ambito di Cremona musica International Exhibitions and Festival.

    Potrebbe piacerti anche

    Le ninfee di Monet, intervista al regista Troilo

    Dopo alcune anteprime arriva nelle sale il 26, 27 e 28 novembre Le Ninfee ....

    Piotta: l’hip hop, Suburra e il primo maggio di Taranto

    L’intervista del mattino con Tommaso salta. Non aveva capito di doverla rilasciare venerdì alle ....

    Reggia di Caserta: iniziative speciali nel giorno di chiusura

    Nel corso degli anni, la Reggia Caserta è stata il set di numerosi film ....