fbpx

    Italia: in arrivo 24mln di turisti, Roma al top

    Fotografia: Roma meta preferita dai turisti (Shutterstock)

    L’Italia è indicata dalla maggioranza degli europei come il Paese più romantico (39%), più ricco dal punto di vista culturale (22%), il migliore in fatto di enogastronomia (31%) e quello con maggiore attrattività artistica (28%). Dati che vengono confermati dal fatto che un esercito di turisti stranieri è pronto a invadere l’Italia in un’estate che si annuncia anche quest’anno sold out.

    In 24,5 milioni arriveranno da oltre frontiera, contro i 23 milioni del 2017, per un totale di 104,5 milioni di presenze. Sono le stime del Centro Studi della Cna, la Confederazione nazionale artigianato, che prevede un aumento superiore al 10% per la spesa del turismo internazionale, dai 12,7 miliardi dell’anno scorso ai 14 miliardi dell’estate del 2018, che pure è stato un anno record per il turismo.

    A trainare l’impennata delle entrate economiche – secondo Cna – sono in particolare i turisti extra-europei: australiani, giapponesi e statunitensi sono stimati in testa in termini di crescita relativa, mentre continuerà a partire dagli Usa il numero più consistente di viaggiatori. In crescita tra gli arrivi esterni al vecchio continente anche i cinesi, i canadesi e soprattutto i russi.

    Le stime confermano l’andamento in crescita del turismo internazionale: secondo gli ultimi dati dell’Unwto, l’organizzazione mondiale del settore, nei primi quattro mesi dell’anno i flussi sono cresciuti in media del 6% rispetto al periodo gennaio-aprile 2017. Se il dato complessivo indica un 3,5% in più di presenze di turisti stranieri in Italia, la Cna stima una punta del +4,3% nelle città d’arte, con un +3,5% nelle mete eno-gastronomiche e +2,8% nelle località marine.

    Per milioni di turisti, insomma, al top delle preferenze c’è ancora il Grand Tour d’Italia, con Roma regina indiscussa. Sul podio anche Firenze e Venezia, ma nella top ten ci sono anche Napoli, Milano, Verona, Genova, Torino, Ravenna e Pisa. I viaggiatori si fermeranno da due a tre giorni e questo potrebbe portare a quasi 30 milioni le presenze, fra pernottamenti ed escursioni, contro i 29 milioni del 2017.

    Il movimento economico nelle città d’arte ammonterà a 3 miliardi e mezzo di euro, pari a 140 euro al giorno pro capite. Sei turisti su dieci (per la precisione, il 58%) sceglieranno l’albergo per il pernottamento, mentre il 42% opterà per sistemazioni extra-alberghiere.

    Quanto agli italiani, uno su tre (il 29%, pari a 6,2 milioni) andrà in vacanza con animali al seguito, soprattutto cani e gatti, ma anche uccelli, conigli, tartarughe e pesci. A rilevarlo è un’indagine di Coldiretti/Ixè, che evidenzia come solo il 15% rinunci a portare con sé il proprio pet perché non è possibile accoglierlo nella struttura di destinazione, mentre per gli altri si tratta di una scelta. Se è il mare a fare la parte del leone per più di 6 italiani su 10 (62%), anche grazie alle sempre più numerose spiagge pet-friendly, al secondo posto si classificano le città d’arte, a pari merito con parchi, oasi, riserve e campagna, seguiti dalla montagna.

    Potrebbe piacerti anche

    Las Vegas: l’arte contemporanea al Palm Casino Resort

    Total restyling da 620 milioni di dollari del Palms Casino Resort di Las Vegas ....

    Bruce Springsteen raccontato in immagini

    Il mito di Bruce Springsteen in immagini. Quaranta anni di carriera del Boss sono ....

    Più libri più liberi, torna l’editoria indipendente

    Dopo lo straordinario successo dell’edizione dello scorso anno – che ha registrato un record ....