fbpx

    Ispirazione moda donna: Blu Azulejos

    Fotografia: Ansa

    Ritornano le fantasie incantevoli ispirate al blu ed al bianco delle ceramiche portoghesi ed olandesi, dei vasi cinesi e delle maioliche italiane. Gli accessori si combinano insieme agli abiti rendendo il binomio sempre elegante e brioso.

    Il tipico ornamento dell’architettura portoghese e spagnola, l’azulejo, la “pietra lucidata”, ci riporta alle influenze arabe fuse alle tradizioni locali nel corso della storia e rivive nell’arte del ‘900 nel Modernismo dei modelli di Raùl Lino. Negli anni ’50 assistiamo alla rinascita dell’azulejo nel campo dell’architettura grazie alla realizzazione dell’Hotel Ritz e della Metro di Lisbona nella cui decorazione saranno impegnati grandi artisti internazionali.

    Poco più tardi della diffusione degli azulejos, intorno al’600, nascerà la splendida ceramica olandese di Delft, caratterizzata anch’essa dall’uso preponderante del blu ad imitazione della porcellana cinese. Un colore ed una fantasia fatta di motivi floreali e di elementi della natura e del mondo animale che ritroviamo nella meravigliosa collezione Bluegrace, pre-fall 2020 di Valentino. Lo stesso marchio già nella haute couture A/I del 1968-69 e poi in una collezione prêt-à-porter nel 2013-14, aveva ripreso ed adeguato alla moda le tipiche fantasie olandesi. Medesimo richiamo che ritroviamo insieme a fantasie azulejos e toile de Jouy, sempre nel 2013, per esempio nelle collezioni P/E di maison Emilio Pucci, Roberto Cavalli e Ruffian. E come non ricordare la collezione P/E del 2015 di Dolce & Gabbana, vera e propria esaltazione dell’arte della maiolica italiana.

    Infatti, queste emblematiche forme decorative dimostrano anche oggigiorno una grande versatilità nella moda: dalla mini handbag di Jimmy Choo, alle camicie di Chloé, all’abito Archie di Chiara Boni, ai completi di Erdem e di ottod’Ame, alla Book Tote in toile de Jouy di Dior fino al tessile per la casa ed alla collezione di Seletti ispirata alle ceramiche di Delft.

    L’estate 2020, sia nell’alta moda che nella grande distribuzione, farà rivivere una nuova e ricca stagione a questi motivi ornamentali che ben si prestano a rendere chic anche l’abbigliamento più casual.