In arrivo una moneta virtuale di Telegram?

Fotografia: (Primakov / Shutterstock.com)

Da martedì, le autorità russe stanno bloccando nel Paese l’applicazione di messaggistica Telegram, di proprietà di Pavel Durov. In risposta, l’applicazione ha spostato parte della sua infrastruttura sui servizi cloud di terze parti, garantendo la disponibilità dei servizi, ma questo ha avuto come danni collaterali il blocco di 16 milioni di indirizzi IP, colpendo pagine web che usano le risorse di Amazon e Google (ovvero e-commerce, pagamenti online, servizi di spedizione). I tentativi di censura nascono dal fatto che secondo le leggi antiterrorismo, i servizi come Telegram e Whatsapp devono consegnare alle autorità competenti le chiavi di cifratura. La risposta è stata “la privacy non è in vendita” e così si è scatenata la guerra virtuale.

Secondo alcune indiscrezioni, dietro al blocco ci sarebbe altro. Il fondatore di Telegram, Pavel Durov, vorrebbe creare una sua valuta digitale e questo avrebbe fatto “scattare l’allarme” al Servizio Federale di Sicurezza (FSB) russo (si occupa del controllo delle telecomunicazioni e delle transazioni finanziarie). In una presunta nota del dirigente dell’FSB, Roman Antipkin, intercettata dalla stampa locale, si leggerebbe che “Il blocco non ha a che fare con le chiavi di decrittazione o con il terrorismo: la moneta virtuale di Durov non sarà come i Bitcoin, roba da ‘geek’, ma semplice, affidabile e incontrollabile. E’ una minaccia alla sicurezza del Paese. Droga, riciclaggio, vendita degli organi: tutto passerà attraverso la sua moneta”. Da Antipkin, intanto,è arrivata una smentita.

  • Mostra Commenti

L indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Potrebbe piacerti anche

Dazi: a cosa porterà braccio di ferro fra Europa ed Usa?

E’ arrivata la risposta europea all’aumento delle tariffe statunitensi sulle importazioni nel vecchio continente ....

Fb, arriva il mea culpa di Zuckerberg

“Mi dispiace” per gli abusi effettuati sugli account degli utenti di Facebook. E’ stato ....

Partono i saldi ma e-commerce frena gli acquisti

All’affissione del cartello sconti…scatenate l’inferno. E’ partito il conto alla rovescia per l’apertura dei ....