fbpx

    In Arizona, pornografia verso crisi di salute pubblica

    Fotografia: In Arizona dibattito politico sulla pornografia (Shutterstock)

    Negli Stati Uniti, paese dove la pornografia è perfettamente legale e dove prolifera la più grande industria di settore al mondo, uno dei 50 Stati prepara la sua ‘lotta’ al settore hardcore.

    L’Arizona potrebbe dichiarare la pornografia una ‘crisi di salute pubblica’, se una risoluzione in questo senso proposta dai Repubblicani e già approvata da una commissione passerà anche alla Camera. Lo riferisce il quotidiano Arizona Central, secondo cui il provvedimento aprirebbe la strada a misure restrittive sul porno.”La pornografia perpetua un ambiente sessualmente tossico – scrive nel provvedimento la deputata repubblicana Michelle Udal, la promotriceche danneggia tutti i settori della nostra società. Come l’industria del tabacco, la pornografia ha creato una crisi di salute pubblica. E’ usata in maniera pervasiva, anche dai minori“.

    La risoluzione è stata approvata dalla Commissione Salute con il voto contrario dei Democratici, secondo cui per prevenire gli effetti negativi del porno è necessaria una maggiore educazione sessuale nelle scuole. La definizione di ‘public health crisis’ (crisi di salute pubblica) è presente anche nel programma nazionale dei Repubblicani. La spinta viene dall’associazione National Center on Sexual Exploitation, secondo cui il porno è direttamente connesso allo sfruttamento della donna.

    Potrebbe piacerti anche

    Nuovo studio parla del rapporto carboidrati/diete

    Finite le feste, l’occhio va per prima cosa alla bilancia. Gli eccessi delle festività ....

    Dare un calcio al prediabete…giocando a pallone

    Come dice qualcuno, arrabbiarsi per le partite di calcio fa venire la gastrite ma ....

    Il Natale porta regali e… il colesterolo alto

    Gli eccessi a tavola delle feste natalizie sono un classico. Tentazioni culinarie, incapacità di ....