fbpx

    Il ritorno degli anni ’80 nelle tendenze moda 2020/2021

    Fotografia: Ansa

    Gli anni 80: un decennio di cambiamenti, dove la vocazione al successo personale e il culto all’efficienza erano i cardini su cui si basava una società edonista e propensa al consumismo. Decennio di novità e di eccessi, dove il mondo fashion rischiava e osava, rispecchiando perfettamente quello che la società viveva.

    La moda è in continuo divenire, ma cerca sempre di reinterpretare quelli che sono stati dei modelli del passato, epurandoli e adattandoli alle esigenze del presente.

    Osservando le sfilate per questa estate 2020 e per il prossimo autunno/inverno 2020/2021, ci rendiamo conto di come gli eighties siano stati trasportati in questo nuovo decennio, allegeriti ma mantenedo l’allure che li ha sempre contraddistinti.

    Negli anni 80 la donna ha successo sia nel privato che nel pubblico, ottenedo ruoli lavorativi fino a quel momento riservati agli uomini, ed è per questo che prendono forma nei guardaroba femminili tailleur, spalline e blazer oversize. Il Power Dressing. Anche nel 2020/2021, le spalle vengono valorizzate e i tagli sono tipici degli anni ’80, come per Balamin, Balenciaga, Saint Laurent. Inoltre non mancheranno volumi, voulant, maniche a sbuffo e colori sfacciati e accesi in quello che oggi chiamiamo color block. Molti, infatti, portano in passerella capi che strizzano l’occhio ai must degli anni 80: Oscar de La RentaPhilosophy di Lorenzo SerafiniJeremy Scott, Alessandra Rich e Valentino.

    Il denim, i capispalla morbidi, lo smanicato in piumino, elemento tipico dello stile iconico “paninaro”  sono chiari richiami agli eighties e anche la moda maschile ritrova una leggerezza e una tendenza ai grandi volumi e alla distensione delle forme.